Top

L'accusa del presidente dell'Ucraina: "La Russia sta ammassando truppe al confine"

Volodymyr Zelensky: "Le dimostrazioni di forza sotto forma di esercitazioni militari sul confine sono una pratica consueta di Mosca"

Volodymyr Zelensky
Volodymyr Zelensky

globalist

1 Aprile 2021 - 20.20


Preroll

Nelle ultime ore l’Ucraina ha interpretato come intimidatorie le azioni russe. Volodymyr Zelensky, presidente ucraino, ha accusato la Russia di “ammassare” truppe al confine del suo Paese, mentre Washington ha messo in guardia Mosca contro ogni tentativo di “intimidazione”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Le dimostrazioni di forza sotto forma di esercitazioni militari e possibili provocazioni lungo il confine sono una pratica consueta della Russia”, ha denunciato il presidente ucraino in una nota. Mosca “tenta di creare un’atmosfera minacciosa e di fare pressione” sull’Ucraina, ha proseguito Zelensky, chiedendo una nuova tregua sulla linea del fronte con i separatisti filo-russi.

Middle placement Mobile

Dal canto suo, il portavoce del Dipartimento di Stato americano, Ned Price, ha messo in guardia Mosca da “qualsiasi atto aggressivo volto a intimidire o minacciare” l’Ucraina e si è detto “preoccupato” per le “recenti escalation di atti aggressivi e provocatori” da parte della Russia.

Dynamic 1

 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile