Ventisette ergastoli in Turchia per il tentato colpo di stato del 2016
Top

Ventisette ergastoli in Turchia per il tentato colpo di stato del 2016

Arrivano le condanne al carcere duro per alti ufficiali e civili per il tentato golpe. Tra le accuse il tentato rovesciamento dell'ordine costituzionale

Colpo di stato del 2016 in Turchia
Colpo di stato del 2016 in Turchia
Preroll

globalist Modifica articolo

26 Novembre 2020 - 11.56


ATF

Arrivano le condanne in Turchia per il colpo di stato fallito  del 15 luglio 2016.

Pioggia di ergastoli in uno dei principali maxi-processi, relativo alle azioni compiute nella base aerea di Akinci alla periferia di Ankara, utilizzata dai golpisti come quartier generale.

Un tribunale della stessa capitale turca ha condannato almeno 27 imputati a decine di ergastoli aggravati a testa, cioè al carcere duro.

Tra i condannati ci sono diversi ex alti ufficiali delle forze armate e alcuni dei piloti ritenuti colpevoli di aver bombardato luoghi simbolo la notte del putsch, tra cui il Parlamento. Tra i capi d’accusa figuravano “tentato rovesciamento dell’ordine costituzionale”, “tentato omicidio del presidente della Repubblica” e “omicidio volontario”.

L’ergastolo è stato inflitto anche ad almeno 4 civili, tra cui l’uomo d’affari Kemal Batmaz, tutti accusati di aver agito per conto della rete dell’imam e magnate Fethullah Gulen, ex alleato del capo dello Stato Recep Tayyip Erdogan, accusato di aver orchestrato il golpe.

La giustizia di Ankara ne ha chiesto ripetutamente l’estradizione dagli Stati Uniti, dove è residente dal 1999, che è stata finora negata dalle autorità americane.

Leggi anche:  Guerra di Gaza, la Turchia: "L'occupazione israeliana è il vero ostacolo per la Pace"

 

Native

Articoli correlati