Gli storici accordi di Israele? A vincere è solo Donald Trump

La Casa Bianca si veste a festa per la cerimonia della firma degli accordi di pace tra Israele ed Emirati Arabi Uniti e Bahrein.

Trump e Netanyahu

Trump e Netanyahu

globalist 15 settembre 2020

La Casa Bianca si veste a festa per la cerimonia della firma degli accordi di pace tra Israele ed Emirati Arabi Uniti e Bahrein. Il giorno di Donald Trump e Benjamin Netanyahu, uniti da una solida amicizia e da traversie interne che rendono incerto il loro futuro.


Globalist ha documentato con articoli, reportage e interviste esclusive la posizione della leadership palestinese. Quanto a Israele, per cogliere la portata di questo avvenimento, con tutte le sue ricadute interne, ci siamo affidati ad uno dei più autorevoli e affermati giornalisti israeliani: Aluf Benn., direttore di Haaretz, il quotidiano progressista di Tel Aviv. 


“Per la seconda volta nella sua lunga carriera – esordisce Benn -  22 anni dopo aver firmato il Memorandum di Wye River con Yasser Arafat, il primo ministro Benjamin Netanyahu è tornato a Washington per raggiungere un accordo di pace con i governanti arabi - e questa volta per stabilire relazioni diplomatiche con gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein. Netanyahu ha sempre primeggiato come diplomatico, e la cerimonia di martedì alla Casa Bianca sarà uno dei suoi più grandi successi. Il suo clamoroso fallimento nella gestione della crisi del coronavirus, il suo processo penale in tre casi di corruzione e l'incitamento e la menzogna domestica che ha guidato non dovrebbero sminuire l'importanza e il simbolismo delle bandiere israeliane che sventoleranno sulle ambasciate israeliane ad Abu Dhabi e Manama - e delle bandiere degli Stati del Golfo che sventoleranno su Tel Aviv, insieme al paesaggio dell'Arabia Saudita che sarà visto da quegli israeliani che voleranno verso l'Estremo Oriente e ritorno.


L'imminente accordo  - prosegue Benn - continua la tradizione stabilita dagli accordi di Camp David del 1978 tra Menachem Begin e Anwar Sadat: una pace separata tra Israele e un Paese arabo, accompagnata da un servizio a parole per la soluzione del problema palestinese. Begin riconosceva allora i ‘legittimi diritti del popolo palestinese’, senza fornire dettagli su ciò che erano. La domanda più interessante, prima della cerimonia di oggi, è che cosa Netanyahu darà agli Emirati, al Bahrein e al produttore dell'evento - il presidente americano Donald Trump - nella sezione palestinese degli accordi”.


Pace in cambio di cosa?


“Si può intuire che questo è il cuore delle trattative sulla formulazione delle dichiarazioni reciproche, perché questa è l'unica sezione che include il prezzo politico per entrambe le parti. Anche per Netanyahu, che sta cercando di presentare l'evento come ‘pace in cambio della pace’, come i pasti gratuiti che gli piacciono tanto; così come per i governanti dello Stato del Golfo, che devono preservare per amore dell'apparenza la loro fedeltà alla proposta di pace araba, che prometteva la normalizzazione con Israele solo in cambio del suo ritiro dai territori e della fine dell'occupazione. Netanyahu ha già rinunciato (OK, appena "rimandato" per un tempo illimitato) al piano di annessione della Valle del Giordano e degli insediamenti a Israele, come anticipo che ha portato gli Emirati Arabi Uniti alla cerimonia della firma. Dovrà parlare positivamente all'evento stesso della soluzione dei due Stati - la parte che la destra israeliana detesta nel ‘Deal of the Century’ di Trump? Oppure i suoi nuovi soci e padroni di casa lo lasceranno per ora, con tutti i suoi problemi che infuriano a casa, e si accontenterà di un commento generale e vago su come ‘la nostra mano è tesa in pace’ e di un elogio per Trump sul suo piano di pace, senza entrare nei dettagli? E cosa gli daranno, se offrirà una carota più gustosa ai palestinesi? Da quando ha instaurato il suo governo di disgregazione nazionale con Kahol Lavan, e ha lasciato Naftali Bennett, Bezalel Smotrich e il Consiglio degli insediamenti di Yesha all'esterno, Netanyahu ha voltato decisamente a sinistra. Ha gettato nella spazzatura l'annessione di cui andava così fiero prima delle elezioni, ed è rimasto affascinato dal fascino polveroso del ‘nuovo Medio Oriente’. I suoi discorsi sui miliardi che sarebbero fluiti da Dubai a Israele ricordano una delle iniziative dimenticate del suo ex rivale, Shimon Peres, che fu definito all'epoca un ‘delirante fantasista’  da Netanyahu e dai suoi soci a destra per le sue idee come la ‘Banca regionale’.


Aluf Benn non è certo tacciabile di simpatie nei riguardi di “Bibi”. A dimostrarlo sono le centinaia di articoli, le inchieste, gli editoriali, da lui scritti e la linea del giornale che dirige. Per questo è molto significativo il passaggio seguente delle sue considerazioni: “La misera critica della sinistra all'accordo con gli Stati del Golfo è demoralizzante, e sembra una copia sbiadita dell'opposizione di destra agli accordi di Oslo con i palestinesi e ai negoziati falliti con i siriani. Per esempio, la pretesa che i principati del Golfo non siano democrazie, e i loro regimi potrebbero benissimo cambiare a scapito di Israele , questo è esattamente ciò che Netanyahu disse all'epoca a proposito dei siriani e dei palestinesi. Gli esponenti della sinistra sostengono giustamente che gli accordi con gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein non risolvono il problema palestinese e non porranno fine al conflitto arabo-israeliano. Ma gli accordi di pace con l'Egitto e la Giordania non hanno posto fine al conflitto e non hanno posto fine all'occupazione, ma hanno comunque fornito un enorme valore strategico a Israele, il rafforzamento della sua sicurezza e la normalizzazione della sua posizione regionale e internazionale. Questo è lo standard secondo il quale si dovrebbero misurare anche le relazioni con gli Stati del Golfo. Nel ‘centrosinistra’ che come al solito teme di mostrare sostegno ai palestinesi, la critica come al solito si concentra sulla procedura: l'accordo non è stato portato per l'approvazione del gabinetto o della Knesset prima della sua firma, il ministro degli Esteri non è stato invitato alla cerimonia, non l'hanno detto al capo di stato maggiore dell’Idf (le Forze armate israeliane, ndr), e forse lo firmeranno anche con una penna rossa invece che blu. Errori significativi, questo è tutto ciò che si può dire. E se tutto questo non bastasse, i veterani del governo di Rabin hanno tirato fuori i ricordi dei loro viaggi segreti nel Golfo, per affermare che Netanyahu non ha inventato nulla e non ha ottenuto nulla. Quindi decidete: Se non si tratta di un ‘accordo di pace storico’ come sostiene Netanyahu, ma di un contratto di affitto standard per alcuni uffici per le ambasciate, allora perché vi agitate  tanto? Se non è altro che un accordo per stabilire relazioni con Timor Est e il Sud Sudan, perché non avete chiesto di sottoporlo  a referendum  e perché siete arrabbiati solo per gli accordi con gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein? Tutta la differenza nel mondo sta nel passaggio da legami segreti, di cui hanno beneficiato solo pochi vicini al potere e trafficanti d'armi, a relazioni aperte in cui ogni israeliano può salire su un aereo per Dubai, senza costume e passaporto straniero. Questa è la democratizzazione della pace. Netanyahu potrebbe esagerare l'enormità del risultato storico, anche se le sue motivazioni sono comprensibili, ma non (solo) perché è un fabulista e un hacker di PR, ma soprattutto perché questa mossa strategica ha messo in luce la completa dipendenza di Israele dagli Stati Uniti. Non è nata per una visione strategica di ampio respiro nell'ufficio del Primo Ministro a Gerusalemme, ma per il desiderio dell'attuale amministrazione di Washington di vendere aerei da guerra agli Emirati Arabi Uniti e di godere di un po' di prestigio diplomatico prima delle elezioni presidenziali.


L'evento di oggi sarà la celebrazione di Trump, che orchestrerà l'accordo tra Israele e i Paesi arabi che il suo predecessore Barack Obama non è mai riuscito a raggiungere. Ciò non toglie che questo non sminuisca il risultato, e se un giorno ci libereranno dall'isolamento che la fallita politica interna di Netanyahu ha causato, potremo penzolare i piedi nelle acque del Golfo e godere dei frutti della sua politica estera”.


Quanto all’atteggiamento della dirigenza palestinese, fa testo quanto il direttore di Haaretz ebbe a scrivere il 16 giugno 2020, due settimane prima di quel 1° luglio quando il piano di annessione sarebbe dovuto partire: “....Beh, ma qual è la situazione dei palestinesi in questo momento, mentre la comunità internazionale è occupata con il coronavirus, la crisi economica e lo scontro tra Stati Uniti e Cina? La comunità internazionale li ha dimenticati sotto l’occupazione israeliana ed è andata avanti. Giusto per non dimenticare: la dirigenza dell’Olp sotto Yasser Arafat e Abu Mazen ha respinto tutte le precedenti offerte di pace con la stessa motivazione, incoraggiata da quella parte della sinistra israeliana che vagheggia di sostituire il sionismo con uno stato unico tra il fiume Giordano e il mare. Ma i rapporti di forza nella regione non favoriscono quel miraggio. I palestinesi persisteranno nella loro ostinazione fino a quando svaporerà anche il poco che gli viene riconosciuto dalla comunità internazionale? E veniamo ai critici di centro, che sostengono che in ogni caso non uscirà mai nulla dai colloqui di pace, e dunque perché perdere tempo in esercizi inutili? Indubbiamente il divario tra le posizioni è troppo ampio, la determinazione internazionale a imporre un accordo troppo debole e la fiducia tra le parti praticamente nulla. Ma anche in queste difficili condizioni, il processo diplomatico ha un valore di per sé, e potrebbe ad esempio far emergere le differenze tra Likud e Blu-Bianco, rilanciando il dibattito interno israeliano sul futuro dei Territori. In mancanza di qualunque negoziato con i palestinesi, il dibattito politico in Israele rimane schiacciato sulle posizioni della destra nazionalista e può solo ruotare intorno alla questione se, dopo l’annessione, le costruzioni negli insediamenti relativamente isolati potranno estendersi solo in verticale o anche in orizzontale. Abu Mazen non sembra preoccuparsene minimamente. Evidentemente preferisce che Netanyahu proceda con l’annessione pur di risparmiarsi la spiacevole incombenza di incontrare il primo ministro israeliano e Donald Trump. Forse si culla nell’illusione che l’annessione si ritorcerà contro Israele, che la Giordania revocherà l’accordo di pace, che il mondo arabo si unirà di nuovo compatto dietro ai palestinesi, che Joe Biden vincerà le elezioni e annullerà le promesse di Trump, che Benny Gantz prenderà il posto di Netanyahu. Forse è solo stanco di tutto. In ogni caso, gli restano ben pochi giorni per cambiare idea e tirare il freno d’emergenza del treno dell’annessione”.


A tirare quel freno è stato Donald Trump. Può non piacere, e a chi scrive non piace neanche un po', ma è così.