Obama va all'attacco di Trump: "Disordinato, disorganizzato e meschino"

L'ex presidente Usa ha partecipato a una raccolta fondi virtuale a favore di Joe Biden

Trump e Obama

Trump e Obama

globalist 24 giugno 2020

Barack Obama contro “l’approccio disordinato, disorganizzato, meschino” degli “ultimi due anni”. L’ex presidente ha parlato di “una Casa Bianca sostenuta dai repubblicani al Congresso e da una struttura dei media” che ha messo in discussione “le basi di chi siamo e dovremmo essere”. “Questo suggerisce che i fatti non contano, la scienza non conta”, ha incalzato partecipando a una raccolta fondi virtuale a favore di Joe Biden, la prima di Obama al fianco di Biden, fruttata 7,6 milioni di dollari in vista delle elezioni presidenziali di novembre.


“Questo suggerisce - ha incalzato, dopo che Trump lo ha accusato di tradimento - che una malattia mortale è una fake news. Questo vede il Dipartimento della Giustizia semplicemente come un’estensione e un braccio dei timori personali del presidente”.


“Questo promuove attivamente la divisione. E considera alcune persone in questo Paese come più reali come americani di altre”, ha detto l’ex presidente che non ha mai nominato direttamente Trump e che ha elogiato ancora una volta il “Grande Risveglio” negli Usa, “soprattutto tra i giovani”.


Obama ha anche fatto riferimento al suo predecessore, George W. Bush, con il quale - ha detto - era in disaccordo “su moltissime cose”, ma lui - ha sottolineato - “aveva ancora una considerazione di base per lo stato di diritto e l’importanza delle nostre istituzioni”.