Cuomo: "Rabbia per la morte di George Floyd ma anche per le diseguaglianze sul Coronavirus"

il governatore democratico dello stato di New York parla delle proteste: "Covid e afroamericano ucciso hanno in comune la discriminazione"

Andrew Cuomo

Andrew Cuomo

globalist 30 maggio 2020
Rabbia per un innocente ucciso ma anche rabbia per l’esclusione sociale di una intera comunità e di dei più diseredati.
L'ondata di proteste negli Stati Uniti per la morte dell'afroamericano George Floyd è collegata anche alle disuguaglianze di fronte all'epidemia del coronavirus. Lo ha detto oggi il governatore democratico dello stato di New York, George Cuomo, riferendosi al fatto che nel paese il contagio è maggiormente diffuso fra poveri e minoranze etniche.
"Il Covid appare come una questione sanitaria, ma a livello più profondo è una questione di disuguaglianza nelle cure sanitarie. E poi c'è il caso di George Floyd, che attiene alle disuguaglianze e le discriminazioni nel sistema giudiziario penale. Sono collegati", ha detto Cuomo, citato dalla Cnn.