La Polonia partecipa all'assalto Usa contro l'Iran: la protesta di Teheran

Varsavia annuncia una conferenza sull'Iran e Teheran risponde: "è un circo contro il nostro paese"

Mohammad Javad Zarif

Mohammad Javad Zarif

globalist 13 gennaio 2019
Si respira un'aria tesa tra Teheran e Varsavia, dopo che la Polonia - il cui governo di estrema destra è particolarmente filo-trumpista - ha annunciato una conferenza sull'Iran che si svolgerà i prossimi 13-14 febbraio. Conferenza anticipata dal segretario di Stato Usa Mike Pompeo prima della sua partenza per Il Cairo. 
Da parte sua, il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha definito in un tweet la prevista conferenza un "circo" anti-iraniano americano. Le autorità iraniane hanno convocato oggi il più alto rappresentante diplomatico polacco nel Paese, Wojciech Unolt, ed hanno annullato un festival cinematografico polacco in segno di protesta contro la decisione di Varsavia.
Secondo l'agenzia di stampa ufficiale iraniana Irna, Teheran ha chiesto a Unolt che la Polonia si dissoci da questa iniziativa ostile degli Stati Uniti contro l'Iran. In particolare, l'agenzia cita un anonimo funzionario iraniano secondo il quale se il summit dovesse avere luogo l'Iran prenderà non meglio specificate "contromisure" contro la Polonia.