La furia di Trump: via i migranti, siete una minaccia per gli Usa
Top

La furia di Trump: via i migranti, siete una minaccia per gli Usa

il procuratore generale degli Stati Uniti, Jeff Sessions, ha definito la carovana "un deliberato tentativo di minare le nostre leggi e di sopraffare il sistema americano". Ma lì c'è gente che chiede aiuto

I controlli al confine
I controlli al confine
Preroll

globalist Modifica articolo

30 Aprile 2018 - 06.43


ATF

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e membri del suo gabinetto hanno definito la carovana una minaccia per gli Stati Uniti da quando la marcia è partita il 25 marzo nella città messicana di Tapachula, vicino al confine con il Guatemala. Dalla Casa Bianca minacciano minacce severe e rapide. In particolare il procuratore generale degli Stati Uniti, Jeff Sessions, ha definito la carovana “un deliberato tentativo di minare le nostre leggi e di sopraffare il nostro sistema”. Si è impegnato a inviare più giudici dell’immigrazione alla frontiera per risolvere la questione.
Qualsiasi richiedente asilo che faccia false affermazioni alle autorità statunitensi potrebbe essere perseguito, così come chiunque stia aiutando gli immigrati a fare false affermazioni, ha detto. Nonostante i tweet di Trump che tuona contro la carovana, il numero di migranti privi di documenti negli Stati Uniti non è cambiato significativamente negli ultimi 10 anni, ha dichiarato Andrew Selee, presidente del Migration Policy Institute. Che ha aggiunto: “Il muro al confine che vorrebbe Trump richiederà almeno 10 anni per essere costruito, e intanto che si fa? Chiunque richieda asilo ha diritto a un’audizione in un tribunale per l’immigrazione e questa procedura richiede talvolta un anno e mezzo o due anni”, ha affermato.

Leggi anche:  Sesso con una minorenne e droga: il deputato trumpiano Matt Gaetz nella bufera
Native

Articoli correlati