Top

Gabon: per vincere la guerra contro i bracconieri collari Gps per gli elefanti

Una operazione difficile e rischiosa, perché occorre fare in fretta ed evitare che, dopo essere stati narcotizzati, risvegliandosi i pachidermi carichino le equipe veterinarie

Un elefante addormentato dall'anestetico viene dotato del collare Gps
Un elefante addormentato dall'anestetico viene dotato del collare Gps

globalist Modifica articolo

8 Febbraio 2018 - 15.10


Preroll

Per cercare di fermare l’attività dei bracconieri, il Gabon ha avviato un ambizioso programma: dotare gli elefanti di un collare dotato di un Gps per cotrollare dove i pachidermi si spostano nel loro girovagare in cerca di cibo. Il piano è stato varato dall’Agenzia nazionale dei parchi nazionali (ANPN) del Gabon, che mira a monitorare i pachidermi tramite GPS e studiarne i movimenti per proteggerli dai bracconieri, ma anche per evitare che queesti giganteschi animali facciano incursioni nei vllaggi, distruggendo i raccolti, ma esponendosi alla reazione dei contadini che spesso li uccidono. 
Con 60.000 pachidermi, il Gabon ospitava, sino dieci anni fa, la più grande popolazione di elefanti che, in Africa centrale, viveva nelle foreste. A causa del bracconaggio, “ne abbiamo persi 15.000 da allora. Quasi un quarto, è incredibile!”, dice Jean-Baptiste Squarcini, segretario generale del progetto ”Elephant” dell’ANPN .
È quasi una guerra che le autorità del Gabon stanno combattendo contro i bracconieri e il loro ricco commercio di avorio. I bracconieri arrivano dai vicini Camerun e Congo, penetrano in profondità nel territorio del Gabon, agendo in colonne militarizzate, con inseguitori, tiratori, facchini. 
Un “progetto per combattere il crimine grave della fauna selvatica” è stato formalizzato alla fine del 2013 tra la Francia e il Gabon. Finanziato dall’Agenzia francese per lo sviluppo .
“Si tratta di fare scienza con un obiettivo di conservazione”, dice Squarcini. Conoscere le migrazioni stagionali degli elefanti e il loro uso del territorio per proteggerli meglio, mettendo in atto strategie di sorveglianza adeguate. ”Seguiamo i loro movimenti – aggiunge – secondo la fruttificazione degli alberi, la loro frequentazione di ecosistemi chiave … Questo ci consente di concentrare meglio i nostri sforzi di protezione, mentre le nostre risorse umane sono purtroppo insufficienti su un territorio ultra-forestale come del Gabon “.
È anche, attraverso i campioni prelevati su feci, zanne e carcasse, “disegnare una mappa genetica di elefanti e avori in Gabon”. Ciò aiuta a rintracciare i canali dei trafficanti, che a volte portano sino in Asia.
Venti collari sono stati già applicati a dicembre 2017 da veterinari sudafricani e gabonesi nei parchi di Mwagna e Ivindo (nel nord-est). Una nuova campagna inizia a febbraio nel vicino parco Minkébé. Per quarantacinque giorni, il team ANPN esaminerà la foresta equatoriale, a una media di 20 km al giorno, in condizioni spesso difficili. “Devono mettere da uno a due collari GPS al giorno. È un esercizio molto pericoloso, in cui i nostri uomini subiscono ripetute cariche da parte di elefanti”, dice ancora Squarcini.
L’operazione viene portata a compimento da squadre composte da cinque a sette uomini, preceduti da esploratori pirgmei. Due di loro, chamati Michel e Bebe, sono ”sono dei maghi, che sanno leggere i più piccoli dettagli della foresta” per seguire gli elefanti. Una volta individuato l’animale, il veterinario si avvicina a circa dieci metri per lanciare il dardo con il suo fucile ad aria compressa, usando l’etofina, un anestetico mille volte più potente della morfina. “Una dose troppo forte, può uccidere l’elefante, troppo debole può farlo fuggire. Da qui l’imperativo di calibrare bene – sottolinea Squarcini -: quando viene colpito si deve anche sapere come prevedere ed evitare una possibile carica. Non appena l’animale si poggia a terra, addormentato, ci assicuriamo che rimanga in salute, che il suo tronco non sia immerso nell’acqua, ad esempio. L’installazione del collare (pesa circa 14 chilogrammi) dura circa dieci minuti, durante i quali l’intera squadra lavora intorno al pachiderma. Tutti conoscono il loro ruolo: prendersi cura del tronco, installare il collare, prelevare campioni di campioni biologici e dati morfologici. Poi la squadra si allontana o si arrampica sugli alberi per evitare problemi”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile