Trump attacca a testa bassa, ma Hillary vince il secondo duello
Top

Trump attacca a testa bassa, ma Hillary vince il secondo duello

Uno scontro aspro sui "commenti da spogliatoio", quello di questa notte è stato il secondo dei tre confronti in vista delle elezioni presidenziali.

Trump e Clinton
Trump e Clinton
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Ottobre 2016 - 09.26


ATF

Aspro scontro nel secondo duello tv andato in scena nella notte tra Hillary e Trump, che secondo la Cnn è stato vinto anche stavolta dalla Clinton. Scintille in particolare su sessismo e mail, con il tycoon che ha portato in sala le accusatrici di Bill e ha attaccato la candidata democratica: se fossi io a decidere te saresti in galera. Non c’è mai stata una tale ingerenza russa sul voto, ha sottolineato Hillary. La Nbc intanto ha sospeso Billy Bush, comparso nel video-scandalo con Trump.

Ecco alcune delle battute che si sono scambiati ieri sera i due candidati presidente per la Casa Bianca. 

Come era stato ampiamente previsto, la registrazione del 2005 in cui Trump parla delle donne in termini deplorevoli ha dominato l’evento in cui il Tycoon, che si è rifiutato di rendere pubbliche le sue dichiarazioni dei redditi, è stato anche costretto ad ammettere di aver evitato di pagare le tasse, dopo un tracollo nel 1995 grazie alle deduzioni che gli hanno consentito di farlo, a livello federale, per 18 anni.

Leggi anche:  Georgia, respinta la richiesta di Trump di annullare la sua incriminazione per le interferenze elettorali

“Sono molto imbarazzato da questo video, non mi piace niente, ma sono commenti da spogliatoio. Io sconfiggerò l’Is, sconfiggeremo l’Is…dovremmo parlare di cose più importanto”, ha detto Trump, cercando di associare commenti maschilisti alla capacità di schiacciare il nemico. Il moderatore lo ha quindi incalzato, chiedendogli se avesse nella realtà fatto ciò che descrive nelle battute oramai celebri, e lui ha risposto “no”.

“Confronto a Bill Clinton, le mie sono state parole, le sue azioni”, ha dichiarato Trump che prima del dibattito aveva organizzato una conferenza stampa con quattro donne che si presentano come vittime dei Clinton, tre delle quali avevano già accusato l’ex presidente e marito della candidata democratica di abusi sessuali. “Trump può aver detto cose sbagliate, ma Bill Clinton mi ha violentata e Hillary mi ha minacciato”, ha detto ieri Juanita Broaddrick, ha accusato Bill Clinton di abusi nel 1978 .

“Quello che abbiamo visto e ascoltato venerdì è stato Donald che parlava delle donne, cosa pensa delle donne, quello che fa alle donne. Dice che quel video non lo rappresenta. Ma penso che sia chiaro a tutti coloro che lo hanno ascoltato che rappresenta esattamente il suo modo di essere”, l’affondo di Clinton.

Leggi anche:  Ombre russe sul social di Trump Truth: fu salvato da un imprenditore collegato a Putin

“Io ero in disaccordo con i precedenti candidati repubblicani sulla politica, le politiche, i principi, ma non ho mai messo in discussione il loro essere in grado di governare. Donald Trump è diverso. Ho detto sin da giugno che non è in grado di essere presidente e comandante in capo e molti repubblicani e indipendenti hanno detto la stessa cosa”, ha aggiunto la candidata democratica, che ha anche accusato il suo rivale di aver fatto dichiarazioni “oscure e molto divisive sui musulmani”.

Dopo la diffusione del video venerdì, dimostra un sondaggio della Abc, il 43% degli intervistati è convinto che Trump debba ritirarsi dalla competizione elettorale, mentre il 57% ritiene che debba continuare.

Clinton ha detto che “Trump deve assumersi la responsabilità per le sue azioni e le sue parole”. E il suo rivale ha colto la palla al balzo per elencare le accuse per cui Hillary, incluso il suo uso del server privato per le mail quando era segretario di stato dal 2009 al 2013. “Mi spiace dirlo, ma se vinco darò istruzioni al mio ‘attorney general’ di nominare un procuratore speciale per fare luce sulla questione delle mail perché non ci sono state così tante bugie”.

Leggi anche:  Trump testimonierà al processo sui pagamenti in nero alla pornostar che inizierà a New York

“Tutto quello che ha appena detto è assolutamente falso”, ha risposto Clinton sottolineando come “elemento positivo il fatto che una persona con il carattere di Trump non sia responsabile della legge nel nostro Paese”. “Perché in tal caso saresti in carcere”, la risposta del rivale. “Negli Stati Uniti non minacciamo di incarcerare oppositori politici”, il commento a caldo dell’ex Attorney general Eric Holder.

 

Native

Articoli correlati