Top

Dopo la vittoria del centro-destra sarà una Polonia orbanizzata?

Dopo la clamorosa vittoria del centro-destra a Varsavia molti si attendono una svolta in stile ungherese, ma le vere sfide devono ancora essere affrontate.<br>

Dopo la vittoria del centro-destra sarà una Polonia orbanizzata?

redazione

1 Dicembre 2015 - 17.04


Preroll

“Putinismo in salsa polacca”, “rivoluzione culturale à la polonaise”, “orbanizzazione sulla Vistola” ( e “orbanizzazione” ovviamente si riferisce al modello di democrazia illiberale offerto dal primo ministro ungherese Viktor Orban della democrazia illiberale.) Ascolto i miei amici polacchi piangere come Cassandre dopo che gli elettori hanno consegnato la vittoria al partito euroscettico e conservatore nelle elezioni generali , e penso : “Aspettate un minuto, amici, vediamo che cosa accadrà e che cosa potremo fare al riguardo. La Polonia ha vissuto momenti peggiori di questo, e ci saranno altre elezioni “. Ma su una cosa dobbiamo essere tutti d’accordo: questo è il stato più grande successo più grande dell’ Europa post-comunista nella potenza regionale che i colloca tra una Germania sotto pressione e una Russia dilagante.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Mentre Spagna e Italia lottano con gli effetti della crisi della zona euro, e la Gran Bretagna si è marginalizzata fino al suo referendum per l’adesione all’Unione europea, il resto d’Europa ha bisogno della Polonia più che mai.
Il partito Legge e Giustizia (PiS) ha vinto per diversi motivi. In primo luogo, esso ha approfittato dell’argomento più irresistibile in politica: “il momento di cambiare”. Il governo di Piattaforma Civica, che ha servito il paese abbastanza bene per otto anni e ha governato un tasso di crescita media di quasi il 4% un anno, era visibilmente esausto. Per molti elettori polacchi, in qualche modo rappresentava un compiacente, arrogante e distante establishment politico che continuava ad impartire loro lezioni da comode poltrone (e costosi ristoranti) a Varsavia , ad un quarto di secolo dalla fine del comunismo.

Middle placement Mobile

Questo sentimento era già visibile all’inizio di quest’anno quando il solido, incombente presidente Bronislaw Komorowski è stato inaspettatamente sconfitto da un candidato giovane e poco conosciuto PiS, Andrzej Duda, che ha condotto una campagna in stile americano.
Questa volta, PiS aveva condotto una campagna elettorale più efficace, schierando contro Ewa Kopacz , donna d’affari di Piattaforma civica una candidata sensibile ai bisogni della gente come Beata Szydlo. Ed il PiS ha raccolto la percentuale più elevata di voti tra gli elettori di età compresa tra i 18 ei 25 anni, mentre molti altri voti giovanili sono andati a gruppi di protesta.

Dynamic 1

Il PiS rappresenta una gran parte della società polacca: il sentimento patriottico, la fede cattolica, gli abitanti conservatori di piccole città e villaggi soprattutto nel povero sud-est del Paese; le persone che non hanno beneficiato della transizione verso la democrazia di mercato. PiS promette uno Stato forte per proteggerli contro i venti freddi del liberalismo economico e sociale. Ha posizioni di destra nella cultura, la religione, nella morale sessuale (no all’aborto o alla fecondazione in vitro), xenofobia (niente rifugiati musulmani ,per favore, siamo polacco) e nazionalismo, ma è quasi di sinistra nelle sue promesse economiche e sociali per i poveri (Orban evoca qualcosa della stessa miscela in Ungheria.) Semplificando notevolmente, ci sono due Polonie e ha vinto questa.

Ora abbiamo un nuovo governo, il primo ad essere formato pressocchè da un partito unico da quando la Polonia ha riconquistato la sua libertà un quarto di secolo fa. Sarà in grado di mantenere tutte le promesse populiste , assistenziali ed economicamente troppo generose, di ridurre l’età pensionabile e punire le banche cosmopolite ed i supermercati? Un economista calcola che se lo facessero, si potrebbe perdere subito lo 0,5% nella crescita annuale del Paese. O si dimostrerà mendace e recederà da alcuni progetti, come fanno la maggior parte dei nuovi governi ? La politica estera sarà plasmata dainazionalisti irresponsabili? O da patrioti sensibili – il partito ne ha un paio – in grado di capire che la reale indipendenza della Polonia dipende dal mantenere una posizione forte in Europa, anche se questo significa lavorare con l’ex Piattaforma civica di Donald Tusk a Bruxelles?

Dynamic 2

Nel frattempo, che cosa possono fare tutti gli altri? Questi sono soltanto pensieri immediati del giorno dopo. In primo luogo, i partiti polacchi di centro e sinistra finalmente possono trovare una spinta per agire insieme. Nonostante gli sforzi dell’ex presidente Aleksander Kwasniewski, finora sono stati un disastro completo, lasciando che PiS e partiti di protesta più piccoli raccogliessero il potenziale elettorato di sinistra.
In secondo luogo, i giovani polacchi più energici e di talento che hanno lasciato la patria per godersi le libertà della moderna vita europea in paesi come Gran Bretagna e Irlanda, dovrebbero tornare e aiutare la nascita di una Polonia moderna, liberale, ed europea. Personalmente, mi piace avere fra i miei studenti di Oxford questi concittadini europei ma, se posso metterla in questo modo: “Agnieszka e Pawel, il vostro paese ha bisogno di voi!”.
In terzo luogo, mettendo da parte i nostri sentimenti verso i demagoghi selvaggi del PiS , tutti i politici stranieri e gli amici della Polonia dovrebbero, anzichè emarginare i nuovi arrivati ​​democraticamente eletti, impegnarsi con loro intensamente e costruttivamente. Per tutti i suoi difetti, l’Unione europea è l’esercizio più efficace del mondo quanto a socializzazione politica. Attraverso questi interminabili riunioni, dove i nuovi ministri passano più tempo con i loro colleghi europei di quanto non facciano con le loro famiglie, scoprono che il modo in cui sostengono gli interessi nazionali nel 21 ° secolo in Europa passa attraverso la negoziazione e il compromesso, e non dai protagonismi del 19 ° secolo . PiS sottolinea la volontà di rafforzare il rapporto privilegiato della Polonia con gli Stati Uniti, così il presidente Barack Obama ha bisogno di raccontare il nuovo primo ministro della Polonia, nella loro prima telefonata, quel che ha già detto a Cameron: se si vuole essere amici con noi, bisogna impegnarsi pienamente nell’UE.

Infine, dobbiamo capire il vero significato del termine “orbanizzazione”. Non significa che un solo partito governa da anni con una buona maggioranza, questo accade anche in Gran Bretagna o in Spagna. Orbanizzazione significa che gli abusi del partito dominante al potere possono minare le fondamenta della democrazia costituzionale liberale, che teoricamente rappresentano una condizione per l’adesione all’UE. Ad esempio, si crea una classe dirigente potentissima che determina gli interessi commerciali, abusa dei servizi di sicurezza e erode l’indipendenza dei tribunali, della banca centrale e dei media, assicurando così che le prossime elezioni non siano veramente libere e giuste. PiS ha già un progetto costituzionale che contiene elementi di tutto questo, e trova un paio di alleati parlamentari che potrebbero essere in grado di spingere fino in fondo. L’UE è stata debole nella sua risposta alla orbanizzazione dell’Ungheria. Lo deve fare meglio qui, sostenendo le forze indipendenti in una Polonia che si orienti per i valori liberali, costituzionali ed europei.

Dynamic 3

Se queste quattro cose accadono, potremmo ancora guardare indietro verso il 2020 e dire: “Bene, sono stati anni strani edifficili in cui la Polonia si muoveva come un granchio: indietro, di lato, ma alla fine anche un po’ in avanti “.

(Timothy Garton Ash, Università di Oxford)

Dynamic 4
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage