Sara Gama dà l'addio alla Nazionale dopo 140 presenze: "Grazie di tutto, è stato un viaggio straordinario"
Top

Sara Gama dà l'addio alla Nazionale dopo 140 presenze: "Grazie di tutto, è stato un viaggio straordinario"

Sara Gama dà l'addio alla Nazionale: "È stato un viaggio straordinario che, iniziato quasi vent'anni fa dalle Nazionali giovanili, è passato attraverso incredibili emozioni e grandi cambiamenti".

Sara Gama dà l'addio alla Nazionale dopo 140 presenze: "Grazie di tutto, è stato un viaggio straordinario"
Sara Gama
Preroll

globalist Modifica articolo

20 Febbraio 2024 - 08.58


ATF

Sara Gama ha deciso di lasciare la Nazionale, l’ultima partita sarà quella di venerdì 23 al Viola Park contro l’Irlanda. Per la capitana azzurra quasi diciotto anni con la maglia della Nazionale e139 presenze. «Oggi annuncio la decisione di lasciare ufficialmente la Nazionale italiana. È stato un viaggio straordinario che, iniziato quasi vent’anni fa dalle Nazionali giovanili, è passato attraverso incredibili emozioni e grandi cambiamenti. Ho dato tutto e deciso di lasciare d’accordo con il Ct che fin da subito, con grande rispetto, ha condiviso con me ogni passaggio di questo momento». 

«Ho deciso di lasciare adesso, all’inizio di un nuovo ciclo nel quale ho dato il mio contributo per gettare solide fondamenta per il futuro e trasmettere i giusti valori a un gruppo che ha nuovamente dimostrato le sue grandi potenzialità. Lascio qui, dove tutto è iniziato, passando dalla nostra Coverciano e da una città che gli appassionati sanno esser stata testimone d’importanti passi della nostra Nazionale».  

Leggi anche:  Real Madrid - Manchester City, alle 21 i quarti di Champions League: ecco dove vederla in streaming gratis

«Qui, nella culla del nostro calcio, dove sono cresciuta e ho imparato molto dalle persone che ho incontrato sul mio cammino. E allora grazie a tutti coloro che hanno condiviso la nostra storia. Alla mia famiglia, alle mie compagne, agli staff, agli addetti ai lavori, ai tifosi. A tutte e tutti noi che, insieme, siamo l’azzurro. Ho usato il mio corpo e la mia mente per giocare. Li ho usati anche per parlare e cercare di ispirare, dentro e fuori dal campo. Oggi posso dire che alcune di queste parole e gesti sono serviti. Questa consapevolezza e l’amore per questo gioco e questa maglia sarà quanto porterò con me».  

«Grazie a chi mi ha voluto bene e si è sentito rappresentato con me in questa maglia azzurra. Di certo, io mi sono sentita espressa in essa. Grazie alle persone, perché sono le persone che fanno la differenza e noi ne abbiamo fatta tanta».  

Native

Articoli correlati