Valentina Vezzali: "La riapertura degli stadi è una priorità ma serve cautela"
Top

Valentina Vezzali: "La riapertura degli stadi è una priorità ma serve cautela"

La sottosegretaria allo Sport: "La pandemia non è superata e l'emergenza non è conclusa"

Valentina Vezzali
Valentina Vezzali
Preroll

globalist Modifica articolo

7 Luglio 2021 - 19.59


ATF

Il Covid, durante lo scorso anno, ha piegato il mondo dello sport in modo perentorio. E invece che accadrà nella prossima stagione?
“La riapertura degli stadi e degli impianti sportivi è una delle priorità del Dipartimento per lo Sport. Va anche ricordato però che l’emergenza non è conclusa e che i dati sulle varianti devono spingerci a proseguire sulla strada della massima cautela, a tutela della salute pubblica”.
Così, in una nota, la sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali, ricordando di avere già avviato col ministro della Salute, Roberto Speranza, “una interlocuzione per avere in tempi ragionevolmente rapidi un quadro chiaro circa le riaperture degli impianti, tema che non riguarda solo la serie A e il calcio ma tanti sport”.
“La riflessione è dunque già avviata perché, anche alla luce di diverse sollecitazioni giunte da presidenti federali e società, siamo consapevoli che – ha proseguito la Sottosegretaria -, poter prevedere tempi e modalità di riapertura al pubblico degli impianti, è fondamentale per poter programmare abbonamenti, ticketing e quindi anche un piano finanziario per affrontare la stagione, a maggiore ragione in questo periodo di grande difficolta’ economica”.
“E’ per questo che il tema è già una delle priorità nell’agenda quotidiana degli uffici del Dipartimento per lo Sport – ha ribadito la Vezzali -. Va anche ricordato però che, come sottolineato dal Presidente Draghi, la pandemia non e’ superata, l’emergenza non e’ conclusa e che i dati che arrivano dall’estero relativi alle nuove varianti, devono spingerci a proseguire lungo la strada della massima cautela e prudenza, a tutela della salute pubblica”. 

Leggi anche:  Bella ma perdente: Inghilterra, una storia di grandi campioni senza trofei
Native

Articoli correlati