Top

Covid avanza e l'Iss è preoccupata: "Per la prima volta si segnalano elementi di criticità"

L'istituto superiore di sanità: "Essenziale evitare eventi ed iniziative a rischio aggregazione in luoghi pubblici e privati".

Coronavirus
Coronavirus

globalist

9 Ottobre 2020 - 16.42


Preroll

Ora no si può scherzare: il negazionismo e il riduzionismo dei mesi passati è intollerabile. Andiamo incontro all’autunno e all’inverno e non ci sarà un vaccino.
Per questo è il momento di far rispettare lue regole e anche – nelle situazioni più a rischio come i trasporti pubblici – trovare soluzioni per garantire la sicurezza dei passeggeri, altrimenti la richiesta del rispetto delle regole sarà vana.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“In Italia si osserva un’accelerazione del progressivo peggioramento dell’epidemia di SARS-CoV-2 segnalato da dieci settimane, che si riflette in un notevole carico di lavoro sui servizi sanitari territoriali. Per la prima volta si segnalano elementi di criticità”.

Middle placement Mobile

Lo afferma il monitoraggio del ministero della Salute e dell’Iss relativo alla settimana 28 settembre-4 ottobre. Sono 3.805 i focolai attivi nel nostro Paese, di cui 1.181 nuovi.
“Evitare aggregazioni pubbliche e private” – Per l’Iss, “è essenziale evitare eventi ed iniziative a rischio aggregazione in luoghi pubblici e privati”. Nella raccomandazione si spiega che “è obbligatorio adottare con consapevolezza comportamenti individuali rigorosi al fine di limitare il rischio di trasmissione per evitare un ulteriore e più rapido peggioramento dell’epidemia di coronavirus”.

Dynamic 1

 Indice Rt a 1,06 – Sono 17 le Regioni che hanno riportato un aumento nel numero di casi diagnosticati rispetto alla settimana precedente. Scende la percentuale dei nuovi casi che sono stati rilevati attraverso attività di tracciamento dei contatti (31,8% dei nuovi casi vs 35,8 la settimana precedente). Aumenta, invece, la percentuale dei nuovi casi rilevati attraverso le attività di screening (33,2% vs 28,2%). Nel periodo 17-30 settembre 2020, l’Rt calcolato sui casi sintomatici è pari a 1,06.

 Crescono i casi sintomatici – L’incidenza cumulativa negli ultimi 14 giorni è di 44,37 per 100mila abitanti (periodo 21/9 – 4/10 contro i 34,2 per 100mila abitanti nel periodo 14/9 – 27/9). Si osserva anche un aumento nel numero di casi sintomatici nello stesso periodo (8.198 casi sintomatici nel periodo 21/9-4/10 vs 6.650 casi sintomatici nel periodo 14/9 – 27/9).

Dynamic 2

 Lieve aumento dei focolai nelle scuole Sono in lieve aumento i focolai in cui la trasmissione potrebbe essere avvenuta in ambito intra-scolastico. Rimane quindi essenziale mantenere l’attenzione sulle misure già introdotte per prevenire trasmissione intra-scolastica, come lo screening, la rilevazione della temperatura giornaliera da parte delle famiglie e le procedure per la gestione di casi sospetti sintomatici in ambito scolastico.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage