L'epidemiologo Lopalco: "Coronavirus? In Italia situazione simile alla provincia cinese di Hubei"
Top

L'epidemiologo Lopalco: "Coronavirus? In Italia situazione simile alla provincia cinese di Hubei"

Il professore ordinario di Igiene dell'università di Pisa fa il punto della situazione: "La popolazione dei focolai italiani è molto più anziana rispetto a quella di Wuhan e per questo abbiamo molti decessi".

L'epidemiologo Pierluigi Lopalco, professore ordinario di Igiene dell'università di Pisa.
L'epidemiologo Pierluigi Lopalco, professore ordinario di Igiene dell'università di Pisa.
Preroll

globalist Modifica articolo

28 Febbraio 2020 - 11.30


ATF

Nessuna paura ma la situazione è seria: oggi nei focolai in Veneto e Lombardia la diffusione dei contagi è simile a quella della provincia cinese dell’Hubei, dove è scoppiata l’epidemia. Basta vedere i casi gravi e sintomatici e la situazione non cambia molto. Ma c’è una differenza: la popolazione dei focolai italiani è molto più anziana rispetto a quella di Wuhan e per questo abbiamo molti decessi. Non perché da noi il virus è più aggressivo, ma perché colpisce zone con una popolazione più fragile mentre quella cinese è più giovane. Ora il problema è capire se l’assistenza a queste persone è all’altezza. Gli ospedali si stanno attrezzando?”. 


A parlare è l’epidemiologo Pierluigi Lopalco, professore ordinario di Igiene dell’università di Pisa.
Secondo Lopalco “per far fronte a questo aumento di malati, in particolare con gravi problemi respiratori, andrebbe riorganizzato il sistema in funzione dell’epidemia in corso – suggerisce l’epidemiologo – Magari anche pensando a trasformare i piccoli ospedali di provincia, in Veneto e Lombardia, in strutture dedicate solo a chi è positivo al virus. Servirebbero i Piani di preparazione pandemica che però sono rimasti nel cassetto”. La colpa? “Beh – chiosa Lopalco – forse il regionalismo sanitario non aiuta”.
A far discutere in Italia è anche la scelta di cambiare le modalità di calcolo dei casi. Secondo le linee guida dell’Oms la definizione di caso confermato durante un’epidemia è quella di “una persona con conferma di laboratorio di infezione, a prescindere dalla presenza di segni e sintomi clinici”, ricorda Lopalco.

Leggi anche:  Russia e Cina reagiscono duramente dopo la dichiarazione dei leader riuniti a Washington

“Nella prima fase dell’epidemia in Lombardia e Veneto occorreva ricostruire la catena di contagio e quindi era giusto fare il tampone a tutti i casi sospetti, ora è giusto fare un cambio di passo nel conteggio e andare a confermare gli asintomatici”. Nessuno polemica quindi con la scelta della task force e dell’Iss.

Native

Articoli correlati