Caso Toti, le altre intercettazioni con Aldo Spinelli: "La pratica di tuo figlio è a posto, quando mi inviti in barca?"
Top

Caso Toti, le altre intercettazioni con Aldo Spinelli: "La pratica di tuo figlio è a posto, quando mi inviti in barca?"

Caso Toti, le intercettazioni diffuse dal Gip: “La pratica di tuo figlio è ok” diceva ad Aldo Spinelli, al quale in cambio chiedeva “una mano” in vista delle elezioni.

Caso Toti, le altre intercettazioni con Aldo Spinelli: "La pratica di tuo figlio è a posto, quando mi inviti in barca?"
Giovanni Toti
Preroll

globalist Modifica articolo

8 Maggio 2024 - 09.54


ATF

Sono numerose le intercettazioni che inguaiano Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria posto ai domiciliari con l’accusa di corruzione. Nella requisitoria del Gip vengono elencate diverse conversazioni dell’ex berlusconiano con diversi imprenditori.

“La pratica di tuo figlio è ok” diceva ad Aldo Spinelli, al quale in cambio chiedeva “una mano” in vista delle elezioni. Sono alcune delle intercettazioni ritenute significative dagli inquirenti nell’inchiesta di Genova. Una, in particolare, del 15 febbraio 2023. “Guarda che abbiamo risolto il problema a tuo figlio sul piano casa a Celle…ora facciamo la pratica, si può costruire…l’abbiamo risolto stamattina, quando mi inviti in barca? Che…così parliamo un po’ ora che ci sono le elezioni, c’abbiam bisogno di una mano”.

“Toti: sto pranzando con l’intera famiglia Spinelli. Bisogna trovare una soluzione per la spiaggia lì del…di Punta dell’Olmo… eh bè ci mettiamo lì…ma razionalizziamo le libere che ci sono attrezzate, accorpiamo, spostiamo… si ma in realtà lì diventerà una concessione ma tanto mettiamoci un piede dentro e poi vediamo… però vedetevi un secondo con il mio amico Roberto, se ne occupa Roberto Spinelli… si te lo organizzo io con la mia segreteria così ci vediamo… ci vediamo lì anche con sto minchione del Demanio nostro…”.

Leggi anche:  Giovanni Toti e il senso dello Stato (si fa per dire) della destra

“Sono buttato in barca da…da Aldo, quando gliela portiamo sta proroga in Comitato… dice di stare tranquillo che se…”. “Portiamo quella roba in Comitato il prima possibile che è …. inc… ma se riusciamo a farlo entro la metà di settembre mi fa comodo anche a me… quindi”.

Toti: “Il 29 va la tua roba… ricordati che io sto aspettando anche una mano …eh?. Toti: “Si ci dobbiamo vedere ci ci…..Tanto do… Tanto domani va tutto eh…”. E ancora sempre Toti: “No va la proroga però ti devo venire a trovare che qua se no finiscono le elezioni”. Toti: “Dai ora finiamo sta operazione qua poi ci vediamo per parlare di un pò di robe… Festeggiamo le rinfuse…” e Spinelli risponde: “quello ufficiale è il due per mille …tutto il resto… il resto dopo…”. E dopo quattro giorni arriva il bonifico di 40 mila euro. E il presidente ringrazia “grazie di tutto, eh? Aldino”.

In un’altra intercettazione, sempre con Spinelli, il governatore afferma: “Ora ci vediamo a festeggiare, dai porta un pò di caviale da Monaco, che la settimana prossima veniamo a mangiare una patata col caviale in barca”. Dalle indagini, scrive il Gip parlando proprio di questa telefonata, “è emersa una allarmante abitualità e sistematicità di un tale meccanismo perfettamente collaudato, ricavabile anche dalla stessa terminologia usata dal Governatore con Spinelli per alludere alla richiesta di finanziamento (“quando mi fai vedere la barca…quando ti posso venire a trovare”), che veniva immediatamente compresa nel reale significato dall’imprenditore”. 

Native

Articoli correlati