Autonomia, Ferrari (Cgil): "La nostra è una battaglia contro chi vuole cancellare la Costituzione"
Top

Autonomia, Ferrari (Cgil): "La nostra è una battaglia contro chi vuole cancellare la Costituzione"

Autonomia differenziata, Ferrari (Cgil): "Se diventasse realtà sarebbe una pessima notizia. E non solo per il Sud, ma per l'intero Paese".

Autonomia, Ferrari (Cgil): "La nostra è una battaglia contro chi vuole cancellare la Costituzione"
Christian Ferrari
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Aprile 2024 - 12.55


ATF

Lo afferma il segretario confederale della Cgil Christian Ferrari. «Il Ddl Calderoli è approdato in Aula alla Camera dopo gravi forzature in commissione da parte della maggioranza di governo che sta, di fatto, comprimendo il dibattito parlamentare ed evitando qualsiasi confronto».

«Da questo atteggiamento si potrebbe desumere – sottolinea il dirigente sindacale – l’intenzione di arrivare, nel giro di pochi giorni, all’approvazione definitiva. Ma non c’è alcuna certezza in proposito e, secondo molti, il voto finale slitterà a dopo le elezioni europee. è una contraddizione solo apparente. Infatti, a consigliare prudenza nella tempistica è il timore di allarmare gli elettori delle Regioni meridionali. Potremmo quindi assistere alla replica di quanto avvenuto con il Documento di economia e finanza, privo di quadro programmatico. In entrambi i casi, evidentemente, si vogliono rimandare le cattive notizie a dopo il voto».

«E non c’è dubbio che il progetto di dividere l’Italia in tante piccole patrie, tenute insieme dall’uomo o dalla donna sola al comando (esito del combinato disposto Autonomia – Premierato), se diventasse realtà sarebbe una pessima notizia. E non solo per il Sud, ma per l’intero Paese».

Leggi anche:  Paolo Signorelli si dimette dopo la vergogna delle chat con Diabolik: "Non sono più quel Paolo..."

«Meno partecipazione e democrazia, una verticalizzazione del potere senza precedenti, messa in discussione di due pilastri dell’unità nazionale come la scuola pubblica e il contratto nazionale di lavoro, nessuna possibilità di adottare politiche industriali e di coesione nazionale, aumento delle diseguaglianze sociali e dei divari territoriali: potrebbe essere ancora più lungo l’elenco dei rischi che corrono le persone che rappresentiamo. Per questo continueremo a contrastare queste vere e proprie controriforme istituzionali, che mirano a cancellare la Repubblica parlamentare e la Costituzione nata dalla Resistenza e fondata sul lavoro. E lo faremo con la grande manifestazione nazionale del prossimo 25 maggio a Napoli, insieme a `La Via Maestra´, e utilizzando tutti gli strumenti democratici che abbiamo a disposizione». 

Native

Articoli correlati