Sondaggi politici, cosa pensano i giovani delle Europee? Poca fiducia nel dibattito ma l'affluenza sorprende...
Top

Sondaggi politici, cosa pensano i giovani delle Europee? Poca fiducia nel dibattito ma l'affluenza sorprende...

Sondaggi politici, alle prossime elezioni europee il 47% dei giovani italiani si è detto propenso a votare. Un dato positivo se si tiene conto che l'affluenza complessiva probabile è stimata al 45%.

Sondaggi politici, cosa pensano i giovani delle Europee? Poca fiducia nel dibattito ma l'affluenza sorprende...
Elezioni Europee 2024
Preroll

globalist Modifica articolo

5 Aprile 2024 - 10.47


ATF

Sondaggi politici, secondo l’ultima rilevazione del Consiglio Nazionale dei Giovani (CNG), realizzata in collaborazione con l’Istituto Piepoli, alle prossime elezioni europee il 47% dei giovani italiani si è detto propenso a votare. Un dato positivo se si tiene conto che l’affluenza complessiva probabile è stimata al 45%.

Il dato di partecipazione giovanile conferma i risultati dell’indagine Eurobarometro sulle ultime elezioni europee che mostrano, infatti, come nel 2019 l’aumento complessivo dell’affluenza alle urne è stato determinato principalmente dalle giovani generazioni in tutta l’UE. 

In particolare, i giovani cittadini sotto i 25 anni (+14 punti percentuali sul 2014) e i 25-39enni (+12 punti percentuali sul 2014), con un’affluenza complessiva alle passate elezioni europee del 50,6%, la più alta dal 1994, con 19 Stati membri.

Per gli under 35, però, i temi affrontati nella campagna elettorale non riflettano le proprie preoccupazioni e priorità. Solo l’8% dei giovani si ritiene molto soddisfatto dal dibattito politico sulle Europee, mentre 6 giovani su 10 reputano che quest’ultimo non stia affrontando adeguatamente le criticità e le esigenze che vivono.

Leggi anche:  Michele Santoro: "Netanyahu criminale di guerra, aver vissuto la Shoah non può dare un privilegio sul piano del diritto"

Il dato scende ulteriormente se ad essere presi in considerazione sono solo gli under 25. Considerando il campione 18-24, infatti, è solo il 33% ad essere soddisfatto almeno in parte. Salgono così a 7 su 10 i giovani che ritengono che non si stiano affrontando adeguatamente criticità ed esigenze. 

Per i giovani, i temi su cui il dibattito si deve orientare sono innanzitutto quelli relativi a lavoro e occupazione (39%), a cui seguono in ordine di preferenza, scuola e università (18%), formazione post-scuola/università (18%) per lo sviluppo di nuove competenze professionali. Questi dati rivelano un urgente bisogno di riorientare il focus del dibattito politico verso questioni che hanno un impatto diretto sul futuro professionale e personale di ragazze e ragazzi.

La Presidente del Consiglio Nazionale dei Giovani, Maria Cristina Pisani, commenta i dati raccolti: «I dati che abbiamo rilevato sull’intenzione di voto dimostrano, ancora una volta, che sono soprattutto le giovani generazioni a voler contribuire alle scelte collettive, non solo del nostro Paese ma anche dell’Unione Europea, attraverso l’esercizio del diritto di voto. In una percentuale, il 47%, che addirittura supererebbe quella degli over 54, pari al 43%, e che potrebbe determinare così un aumento dell’affluenza complessiva alle prossime europee che risulterebbe pari al 45%. Per questo, il dato sulla partecipazione giovanile è importante, in linea con i risultati delle ultime elezioni europee, che mostrano come anche nel 2019 l’aumento dell’affluenza alle urne sia stato determinato principalmente dalla partecipazione delle giovani generazioni in tutta l’UE».

Native

Articoli correlati