Bari, il sindaco Decaro: "Ho contribuito a liberare la città dai clan"
Top

Bari, il sindaco Decaro: "Ho contribuito a liberare la città dai clan"

Antonio Decaro, sindaco di Bari, ai microfoni di Rtl 102.5 «Ho fatto un atto di legittima di difesa nei confronti della città, perché non c'è un'accusa alla mia persona ma alla città». 

Bari, il sindaco Decaro: "Ho contribuito a liberare la città dai clan"
Antonio Decaro
Preroll

globalist Modifica articolo

22 Marzo 2024 - 10.01


ATF

Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente dell’Anci, intervenuto a Rtl 102.5 ha ribadito lo sdegno per l’attacco politico ricevuto dal Viminale.

«Ho fatto un atto di legittima di difesa nei confronti della città, perché non c’è un’accusa alla mia persona ma alla città. Mi sono sentito inquietato rispetto a una fotografia di parlamentari di centrodestra pugliesi presenti nella stanza del ministro dell’Interno a due giorni dagli arresti. Parlamentari che, uscendo da quella stanza, hanno dichiarato aver chiesto al ministro di convocare una commissione per valutare di sciogliere il Consiglio comunale». 

«Cosa che, come dice anche l’ex procuratore di Bari è una procedura al contrario, nel senso che dovrebbe essere la magistratura a contattare il prefetto che poi chiama il ministro dell’Interno. Ma la Procura il giorno degli arresti ha detto che era un caso isolato e circostanziato e che l’amministrazione comunale in questi anni ha contribuito a contrastare la criminalità organizzata».

«La commissione ispettiva non è fatta da magistrati, perché i magistrati il loro lavoro lo hanno già fatto per fortuna, hanno arrestato 130 persone e meno male che hanno liberato la città. Io ho contribuito, ho fatto 19 costituzioni di parte civile, 16 denunce e vivo sotto scorta da 9 anni». 

Leggi anche:  Borghi (Lega): "Togliamo l'obbligo di esporre la bandiera della Ue, esiste solo in Italia"

«La cosa che mi ha emozionato è che spontaneamente hanno partecipato alla mia conferenza stampa» il giorno dopo l’annuncio della composizione della commissione di accesso «le persone che grazie alle mie denunce per usura ed estorsione sono diventate libere: erano macellai, operatore mercatale, il titolare della pescheria».

Native

Articoli correlati