Il fondatore della Lega Leoni attacca Salvini: "Io sono federalista, lui è fascista e ha paura di fare il congresso"
Top

Il fondatore della Lega Leoni attacca Salvini: "Io sono federalista, lui è fascista e ha paura di fare il congresso"

Lo dice intervistato da Repubblica Giuseppe Leoni, architetto oggi 77enne, tra i fondatori della Lega insieme a Umberto Bossi

Il fondatore della Lega Leoni attacca Salvini: "Io sono federalista, lui è fascista e ha paura di fare il congresso"
Giuseppe Leoni
Preroll

globalist Modifica articolo

16 Marzo 2024 - 12.53


ATF

Capitan Nutella è verso il capolinea? Sì, probabilmente. ” In Lega le cose «non vanno bene da un po’. Salvini si è giocato il 30% di voti. E non è proprio vero, come dicono, che la nostra Lega era ai minimi termini. L’abbiamo portata a tirare eccome. Quando abbiamo eletto Formentini a Milano non eravamo al 3%. Forse qualcuno se l’è dimenticato”.

Lo dice intervistato da Repubblica Giuseppe Leoni, architetto oggi 77enne, tra i fondatori della Lega insieme a Umberto Bossi. Leoni non risparmia critiche all’attuale segretario che non ha cambiato anima al partito: «Io sono federalista, lui è fascista. Io voglio l’autonomia, lui vuole i fascisti. Non occorre aggiungere altro». «Io so che la Lega era federalista, si batteva per il Nord, per l’autonomia, per le industrie, per i lavoratori. Adesso è malata di nazionalismo e di fascismo. Per me che, come Bossi, vengo da una famiglia antifascista, è doloroso».

Leoni assicura che non solo in Veneto c’è malumore: «Anche i lombardi ne hanno piene le scatole. Lo sapete che la rivolta, il casino è molto più forte in Lombardia? Però i giornali non ne parlano, viene bellamente silenziato. I capoccia lo sanno, il perno è qui, se viene giù la Lombardia viene giù tutto». La soluzione per Leoni deve passare dai congressi: «Ma Salvini non vuole farli. Prende tempo. Forse ha paura di andare a casa. Intanto il malcontento sta montando sempre di più, dopo le Europee vediamo che cosa succede. O forse anche prima».

Leggi anche:  Salvini si nasconde dietro Papa Francesco per travestirsi da pacifista (e non andare contro Putin)

Ultima stoccata poi per il generale Vannacci, tra i nomi possibili in lista per le europee: «I militari mi sono sempre stati sulle balle, soprattutto quelli del manganello. Io faccio l’architetto, non so se mi spiego… I militari devono fare i militari, come i magistrati devono fare i magistrati. Chi serve lo Stato non entra in politica. Poi questo Vannacci ne dice ogni giorno di tutti i colori».

Native

Articoli correlati