Landini (Cgil): "Cambiamo le leggi che condannano i giovani alla precarietà, oggi chi lavora è povero"
Top

Landini (Cgil): "Cambiamo le leggi che condannano i giovani alla precarietà, oggi chi lavora è povero"

Lavoro, Landini (Cgil): "Bisogna cambiare tutte le leggi che hanno fatto in questi anni e che stanno condannando i giovani alla precarietà, ad andare via dal nostro Paese".

Landini (Cgil): "Cambiamo le leggi che condannano i giovani alla precarietà, oggi chi lavora è povero"
Il segretario della Cgil Maurizio Landini
Preroll

globalist Modifica articolo

7 Marzo 2024 - 13.12


ATF

Il segretario della Cgil Maurizio Landini, era a Santa Venerina in provincia di Catania, per un incontro nella ex scuola di formazione sindacale. L’occasione per rilanciare un tema fondamentale per la vita del Paese, quello del lavoro precario.

«Bisogna cambiare tutte le leggi che hanno fatto in questi anni e che stanno condannando i giovani alla precarietà, ad andare via dal nostro Paese. Bisogna cambiare e rimettere al centro il lavoro non precario e che permetta alle persone di vivere con dignità. Questa cosa oggi non sta succedendo».

«Oggi chi lavora è povero e precario e abbiamo 120mila giovani che ogni anno, in particolare dal Mezzogiorno, se vanno dal nostro Paese. Bisogna cambiare le leggi sulla precarietà e fare assumere la centralità del lavoro e delle persone: questo vuol dire fare investimenti, soprattutto sulle persone, quello che non è stato fatto in questi anni e che non sta facendo neanche questo governo».

Leggi anche:  Lavoro, Fratoianni (Avs): "Basta con l'austerity, in Italia gli stipendi sono più bassi rispetto al 1991"
Native

Articoli correlati