Stellantis, scontro Landini - Calenda: "Contento della sua querela, pronto a rinunciare ai privilegi da parlamentare"
Top

Stellantis, scontro Landini - Calenda: "Contento della sua querela, pronto a rinunciare ai privilegi da parlamentare"

Calenda: "Landini da quando il gruppo di John Elkann ha comprato La Repubblica, ha parlato di Stellantis ma infinitamente meno di quanto parlava di Marchionne tutti i giorni".

Stellantis, scontro Landini - Calenda: "Contento della sua querela, pronto a rinunciare ai privilegi da parlamentare"
La protesta dei lavoratori della Magneti Marelli contro Carlo Calenda
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Gennaio 2024 - 11.07


ATF

Carlo Calenda prosegue il suo scontro con Maurizio Landini, segretario della Cgil, sul tema di Stellantis e del silenzio dei sindacati sulla deitalianizzazione dell’ex Fiat.

«Landini mi ha querelato? Sono contento così verificheremo se quello che io ho detto e che ripeto, cioè che Landini da quando il gruppo di John Elkann ha comprato La Repubblica, ha parlato di Stellantis ma infinitamente meno di quanto parlava di Marchionne tutti i giorni. Rinuncerò ovviamente a ogni forma di privilegio connesso all’essere parlamentare e affronterò volentieri Landini in un confronto, in qualunque televisione, per dimostrare che quello che sto dicendo è vero. Se non ci confrontiamo prima in tv, ci confrontiamo davanti a un giudice».

Il leader di Azione chiude poi le porte a una nuova alleanza con Renzi. «Noi non siamo favorevoli a fare un’alleanza indistinta perché non sarebbe credibile per gli elettori ma credo, viceversa, che ci sia una sintonia di obiettivi e di partito europei, ma anche sintonia di comportamenti con +Europa e credo che su questo potremo lavorare bene». «Ribadisco il no a una lista indistinta che accolga anche Italia Viva perché abbiamo già dato e non sarebbe credibile per gli elettori».  

Leggi anche:  Case green, Calenda: "Non sono finanziabili, ci impegneremo per fare una profonda revisione"
Native

Articoli correlati