Giuristi democratici contro Salvini: "Giù le mani dal diritto allo sciopero"
Top

Giuristi democratici contro Salvini: "Giù le mani dal diritto allo sciopero"

Giuristi democratici contro Salvini e la precettazione: "Il nostro ordinamento non consente a un Ministro di impedire l’esercizio dello sciopero senza motivazione alcuna, se non commettendo un abuso e una discriminazione".

Giuristi democratici contro Salvini: "Giù le mani dal diritto allo sciopero"
Matteo Salvini
Preroll

globalist Modifica articolo

15 Dicembre 2023 - 11.47


ATF

L’associazione Giuristi democratici con una nota ufficiale ha attaccato Matteo Salvini, che per la terza volta ha precettato i lavoratori del settore trasporti che hanno deciso di scioperare per 24 ore, autorizzando solo 4 ore di assenza dal lavoro.

“L’art. 40 della Costituzione garantisce “il diritto di sciopero … che si esercita nell’ambito delle leggi  che lo regolano”. E la legge che l’Italia si è data, cioè la  n. 146/1990, è tra le più restrittive d’Europa. Al suo interno, la disciplina dettata sul traporto pubblico locale è la più severa, tanto che è dovuto intervenire il Consiglio di Stato con la sentenza n. 2116/23 per eliminare gli elementi più vessatori. In questo sistema, il potere straordinario di intervenire sugli scioperi è attribuito al Governo solo in situazioni gravissime, non altrimenti disciplinabili in via generale ed astratta, e cioè solo in caso di “imminente e grave pregiudizio”. Il ministro Salvini invece ha deciso di usare il proprio ruolo affermando pubblicamente che nel settore dei trasporti non sarà più possibile fare una giornata di sciopero”.

Leggi anche:  Il fondatore della Lega attacca Salvini: "E' un incapace, il congresso va fatto prima del voto"

“E nonostante la legge fosse stata rispettata scrupolosamente come attestato dalla Commissione di Garanzia sugli Scioperi, il Ministro ha precettato addirittura per la terza volta consecutiva i lavoratori, come in occasione degli scioperi del 29 settembre e del 27 novembre scorsi, tramite tre ordinanze assolutamente identiche  tra loro. Così facendo, Salvini viola la Costituzione, scavalca il Parlamento e rende l’Italia un paese più povero di diritti e più ricco di prepotenza e abuso”.

“Ma lo sciopero è garantito dalle Carte costituzionali nazionale e comunitaria. Il nostro ordinamento non consente a un Ministro di impedirne l’esercizio senza motivazione alcuna, se non commettendo un abuso e una discriminazione in danno non solo delle organizzazioni sindacali, ma anche di tutti i lavoratori impossibilitati a scioperare. Nondimeno, a ogni danno consegue il diritto al risarcimento. I Giuristi Democratici esprimono allora la propria solidarietà e vicinanza ai sindacati, alle lavoratrici e ai lavoratori che nel corso degli ultimi mesi sono stati colpiti nel proprio diritto di sciopero e che rischiano domani di essere duramente sanzionati, e si dichiarano pronti a sostenere in sede giudiziale ogni richiesta di risarcimento del danno da parte di tutti i lavoratori del trasporto pubblico interessati”.

Native

Articoli correlati