Sciopero, Landini (Cgil): "E' ora di cambiare le legge sbagliate fatte dalla destra"
Top

Sciopero, Landini (Cgil): "E' ora di cambiare le legge sbagliate fatte dalla destra"

Landini (Cgil): «Noi vogliamo cambiare quelle leggi sbagliate che sono state fatte in questi anni e vogliamo fare quelle riforme di cui il nostro Paese ha bisogno».

Sciopero, Landini (Cgil): "E' ora di cambiare le legge sbagliate fatte dalla destra"
Il segretario della Cgil Maurizio Landini
Preroll

globalist Modifica articolo

1 Dicembre 2023 - 11.02


ATF

Maurizio Landini, segretario generale della Cgil, è a Napoli per partecipare al corteo dello sciopero indetto contro i provvedimenti del governo Meloni. «Bisogna affrontare innanzitutto il problema molto serio di aumentare i salari e le pensioni, perché non si arriva alla fine del mese e c’è un problema, altrettanto importante, di impedire che i nostri giovani se ne vadano via dal Paese e in particolare dal Mezzogiorno».

«Per fare questo bisogna investire, creare occasioni di lavoro e investire anche sulle infrastrutture sociali. Penso alla sanità che non funziona e che ha bisogno di investimenti, penso alla scuola, all’istruzione e da questo punto di vista è evidente che noi non vediamo segnali che vanno in questa direzione, anzi, si stanno facendo tagli nella sanità, non si stanno facendo gli investimenti necessari e soprattutto non si vanno a prendere i soldi dove c’è bisogno di andarli a prendere, là dove sono, dove c’è l’evasione fiscale, dove ci sono stati degli aumenti dei profitti che non hanno precedenti nella storia del nostro Paese mentre si continua a fare cassa sui poveri e sugli ultimi».

Leggi anche:  Cucchi, Fratoianni e Magni (Avs) contro Piantedosi: "E' un problema per il Paese, la situazione è grave"

«Si è tagliato il reddito di cittadinanza non si vuol fare il salario orario minimo, si sono tagliate le pensioni, cioè si continuano a prendere i soldi sempre dalla stessa parte, a quelli che tengono in piedi questo Paese con il loro lavoro e non si va invece a combattere quelle diseguaglianze che non sono affrontate».

«Per questo, per quello che ci riguarda noi non siamo che all’inizio di questa mobilitazione perché oltre a cambiare la legge di bilancio, noi vogliamo cambiare quelle leggi sbagliate che sono state fatte in questi anni e vogliamo fare quelle riforme di cui il nostro Paese ha bisogno».

Native

Articoli correlati