Il governo Meloni vieta la carne coltivata, il testo è legge: ecco di cosa si tratta, articolo per articolo
Top

Il governo Meloni vieta la carne coltivata, il testo è legge: ecco di cosa si tratta, articolo per articolo

Il testo che vieta la produzione e la diffusione di carne coltivata è legge. "Disposizioni in materia di divieto di produzione e di immissione sul mercato di alimenti e mangimi costituiti, isolati o prodotti a partire da colture cellulari"

Il governo Meloni vieta la carne coltivata, il testo è legge: ecco di cosa si tratta, articolo per articolo
Carne coltivata
Preroll

globalist Modifica articolo

16 Novembre 2023 - 15.17


ATF

Il governo Meloni, tramite il voto della maggioranza alla Camera ha dato il definitivo via libera alla legge che vieta la produzione e la vendita della cosiddetta carne coltivata. “Disposizioni in materia di divieto di produzione e di immissione sul mercato di alimenti e mangimi costituiti, isolati o prodotti a partire da colture cellulari o di tessuti derivanti da animali vertebrati nonché di divieto della denominazione di carne per prodotti trasformati contenenti proteine vegetali”, già approvato dal Senato il 19 luglio scorso.

All’articolo 2 – in totale sono 7 – viene sancito che “è vietato agli operatori del settore alimentare e agli operatori del settore dei mangimi impiegare nella preparazione di alimenti, bevande e mangimi, vendere, detenere per vendere, importare, produrre per esportare, somministrare o distribuire per il consumo alimentare ovvero promuovere ai suddetti fini alimenti o mangimi costituiti, isolati o prodotti a partire da colture cellulari o di tessuti derivanti da animali vertebrati”.

All’articolo 3 si parla di “meat sounding”, ovvero l’uso di denominazioni di carne per prodotti trasformati contenenti proteine vegetali. Sono quindi vietate “denominazioni legali, usuali e descrittive, riferite alla carne, ad una produzione a base di carne o a prodotti ottenuti in prevalenza da carne; riferimenti alle specie animali o a gruppi di specie animali o a una morfologia animale o un`anatomia animale; terminologie specifiche della macelleria, della salumeria o della pescheria e nomi di alimenti di origine animale rappresentativi degli usi commerciali”.

Leggi anche:  Bonelli (Avs): "Oggi è una giornata importante, tutte le opposizioni in piazza contro le riforme del governo Meloni"

Le sanzioni pecuniarie in caso di violazioni vanno da un minimo di 10.000 euro ad un massimo pari al 10% del fatturato realizzato nell’ultimo esercizio chiuso anteriormente all’accertamento della violazione, nonché la confisca del prodotto illecito. L’applicabilità delle sanzioni è estesa a chiunque abbia finanziato, promosso, agevolato in qualunque modo le condotte illecite. La sanzione massima non può eccedere comunque i 150.000 euro.

Obiettivo del disegno di legge, spiega il Masaf, “è quello di assicurare un livello massimo di tutela della salute umana e degli interessi dei cittadini, oltre a preservare il patrimonio agroalimentare italiano, come insieme di prodotti che assumono una rilevanza strategica per l’interesse nazionale”.

Native

Articoli correlati