Di fallimento in fallimento la luna di miele del governo Meloni sta finendo
Top

Di fallimento in fallimento la luna di miele del governo Meloni sta finendo

Chi si era rifugiato nelle ricette salvifiche della destra sperando che servissero a esorcizzare le paure in questo mondo inquieto

Di fallimento in fallimento la luna di miele del governo Meloni sta finendo
Preroll

Claudio Visani Modifica articolo

16 Settembre 2023 - 17.47


ATF

L’impressione è che la luna di miele del governo Meloni stia già finendo. Gli ultimi sondaggi premiano ancora i Fratelli d’Italia (30%) e danno le opposizioni ferme al palo (Pd al 20, M5s al 17, Azione sotto il 4%), ma segnalano un calo consistente, rispettivamente di otto e tre punti, della fiducia nell’esecutivo e nella premier (oggi attorno al 40%) rispetto al debutto.

Chi si era rifugiato nelle ricette salvifiche della destra sperando che servissero a esorcizzare le paure in questo mondo inquieto che sta cadendo a pezzi e a raddrizzare questo nostro sfiduciato Paese, oggi deve già fare i conti con le prime disillusioni.

Su immigrazione, sicurezza, e benzina il fallimento è clamoroso. Sull’alluvione in Emilia-Romagna l’inadeguatezza e i ritardi (malevoli) dell’azione di governo sono sotto gli occhi di tutti. Così come sono evidenti i pasticci sull’abolizione del reddito di cittadinanza e sulla gestione dei fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). Questo mentre Meloni che abbraccia Orban e il polacco Morawiecki “per difendere Dio, Patria e Famiglia” e Salvini che si allea con la Le Pen e l’estrema destra tedesca isolano l’Italia nel contesto internazionale e la allontanano sempre più dall’Europa.  

Leggi anche:  Sanità pubblica, Strada (Pd): "Il governo Meloni sta tagliando i diritti fondamentali delle persone"

L’ultimo video registrato ieri da una Meloni visibilmente irritata è lo specchio della debacle sui migranti. La marea di sbarchi di questi giorni a Lampedusa, i duemila e passa morti annegati dall’inizio dell’anno, il raddoppio dei flussi rispetto al 2022 sono lì a testimoniare che la strategia dei porti chiusi, della guerra alle navi Ong, dei respingimenti e della caccia sul globo terracqueo ai trafficanti non può reggere di fronte agli sconvolgimenti in atto. Chi è vittima delle guerre, della crisi climatica e della fame scappa e non c’è nulla che possa fermarlo.

L’appello di Meloni ai migranti a non partire sotto la minaccia di un irrealizzabile blocco navale e di nuovi lager dove tenere prigionieri i migranti per diciotto mesi, hanno un che di patetico. Sono, a ben vedere, la destra solo chiacchiere e distintivo. Lo stesso si può dire dei blitz a Caivano, nei quartieri spagnoli di Napoli e a Tor Bella Monaca: sceneggiate con risultati imbarazzanti che non incidono sul degrado, la criminalità e il disagio di quelle periferie disperate.  

Leggi anche:  Conte (M5s): "Netanyahu non si sottragga dal diritto internazionale, in Ue noi porteremo costruttori di pace"

Sul prezzo dei carburanti la figura rimediata è atomica. Dal video della premier alla pompa e dalla promessa condivisa con Salvini di togliere tutte le accise, alla benzina che oggi costa due euro e rotti al litro con cancellazione perfino dello sconto istituito a suo tempo dal governo Draghi. Sull’alluvione in Romagna, infine, all’inadeguatezza della risposta a quella che è la più grave tragedia nazionale degli ultimi decenni si è affiancata una manovra politica dallo sgradevole sapore punitivo contro il governo di centrosinistra della Regione.

Prima il no a Bonaccini commissario, poi i “non siamo un bancomat” del ministro Musumeci e i “non ci fidiamo” del sottosegretario Bignami. Risultato: sono stati stanziati la metà dei fondi necessari (4,5 miliardi in tre anni a fronte di danni stimati in 8-9 miliardi), i comuni sono stati lasciati per mesi da soli ad affrontare l’emergenza, cittadini e imprese non hanno ancora visto un euro di ristoro e il commissario Figliuolo ha annunciato pochi giorni fa che solo dopo la metà di novembre saranno pronti i moduli per poter presentare le domande di rimborso. Una vicenda a dir poco vergognosa sulla pelle degli alluvionati.

Leggi anche:  Ponte sullo Stretto, Bonelli denuncia: "La Lega vuole mandare in carcere chi protesta, è una svolta autoritaria"

Con il fondato sospetto che sia stata gestita ad arte per mettere in difficoltà le amministrazioni locali e preparare l’attacco all’Emilia-Romagna “rossa” alle prossime amministrative e regionali. Ma tra chi è finito sott’acqua, chi accoglie i migranti e chi fa il pieno di benzina non ci sono solo “i comunisti”. Ed è difficile pensare che chi tra questi ha votato la destra sia contento. Se poi la sinistra smetterà di stare su Marte e le opposizioni si ricorderanno di essere tali e come si fa, come qualche primo timido segnale lascia sperare, può anche darsi che non moriremo post-fascisti.  

Native

Articoli correlati