Scotto (Pd): "Abbiamo riaperto la questione sociale, così recuperiamo credibilità"
Top

Scotto (Pd): "Abbiamo riaperto la questione sociale, così recuperiamo credibilità"

Arturo Scotto (Pd): "La sinistra ha perso un pezzo del suo popolo sulla frattura del Jobs Act, la destra ha speculato sulla crisi economica offrendo risposte sbrigative, alimentando paure e divisioni".

Scotto (Pd): "Abbiamo riaperto la questione sociale, così recuperiamo credibilità"
Arturo Scotto
Preroll

globalist Modifica articolo

6 Luglio 2023 - 11.29


ATF

Arturo Scotto, esponente del Pd ed ex Articolo Uno, intervistato da La Repubblica ha parlato dello stato di salute del Partito Democratico.

«Il nuovo Pd di Elly Schlein si è rimesso in moto. Riportare la questione sociale al centro della scena politica ha riaperto la partita. La sinistra ha perso un pezzo del suo popolo sulla frattura del Jobs Act, la destra ha speculato sulla crisi economica offrendo risposte sbrigative, alimentando paure e divisioni. Sarà una lunga marcia, ma oggi recuperiamo una credibilità. Non una novità da poco».

«Il tema non è il nostro ritorno a casa, ma il recupero di tanti astensionisti che sono andati nel bosco perché avevano perso la speranza di una sinistra che riprendesse il proprio mestiere. È emersa una domanda di cambiamento radicale. Non dobbiamo averne paura, ma spalancare porte e finestre. Noi faremo la nostra parte: in Parlamento e nel partito, a Roma e sui territori».

«Dobbiamo dare una mano, non chiedere. Le nostre scelte sono sempre state animate dalla volontà di arare il campo piuttosto che coltivare l’orto. Abbiamo questa cultura politica. Portiamo un’elaborazione forte sulla difesa dei beni comuni, un rinnovato rapporto con le forze organizzate del lavoro dopo anni di disintermediazione, una iniziativa per la pace e il disarmo in un’Europa che ritrovi la sua strada contro il nazionalismo arrembante, un recupero di centralità dei partiti che sono stati indeboliti e destrutturati».

Leggi anche:  Agricoltori, il Pd: "La protesta è colpa dei ritardi di Lollobrigida e del governo Meloni"

«A destra negano il problema perché pensano la strada sia alimentare precarietà e sottosalario, per questo che l’opposizione trovi un comune denominatore attorno a un tema sociale è importantissimo. La destra prima genera le diseguaglianze attraverso le ricette liberiste che abbattono il welfare, poi si candida a risolverle mettendo i penultimi contro gli ultimi. O ripartiamo dalla radice dei problemi, oppure ce la troviamo addosso peri prossimi dieci anni».

Native

Articoli correlati