Nomine Rai, la Fnsi: "Occupazione maschilista da parte del governo Meloni"
Top

Nomine Rai, la Fnsi: "Occupazione maschilista da parte del governo Meloni"

Nomine Rai, il direttore della Fnsi (Federazione Nazionale Stampa Italiana): "Occupazione di chiaro stampo maschilista. Grazie ai consiglieri che hanno votato contro".

Nomine Rai, la Fnsi: "Occupazione maschilista da parte del governo Meloni"
Vittorio di Trapani
Preroll

globalist Modifica articolo

25 Maggio 2023 - 12.56


ATF

Anche la stampa italiana contesta l’occupazione della Rai messa in atto dal governo Meloni. A denunciare il comportamento della destra è Vittorio di Trapani, presidente Fnsi (Federazione Nazionale Stampa Italiana).

«Un AD della Rai di minoranza (nominato con 3 voti su 7) ottiene il cambio dei Direttori delle testate con a favore solo una minoranza del CdA: 3 si su 7. Le nomine passano solo perché non scatta il quorum per il diritto di veto del CdA: ennesima prova di quanto la pessima legge Renzi favorisca l’occupazione del Servizio Pubblico da parte dei governi di turno. Un qualunque altro capo azienda oggi ne avrebbe tratto le dovute conseguenze.

«E, invece, occupazione – e di chiaro stampo maschilista – è fatta. Un grazie ai Consiglieri che hanno votato no a questo pacchetto, in particolare al Consigliere eletto dai dipendenti Riccardo Laganà che – ancora una volta – dimostra il suo impegno e il suo servizio nell’interesse esclusivo dei lavoratori e dei cittadini che pagano il canone».

Leggi anche:  Giuseppe Conte: "Con il Pd serve un progetto serio per mandare a casa Giorgia Meloni"
Native

Articoli correlati