Gandolfini definiva l'omosessualità una malattia: ora è consulente del governo nella lotta alla droga
Top

Gandolfini definiva l'omosessualità una malattia: ora è consulente del governo nella lotta alla droga

Marco Furfaro, capogruppo dem in commissione affari sociali e componente della segreteria Pd, commenta la nomina di Massimo Gandolfini a nuovo consulente del Dipartimento antidroghe.

Gandolfini definiva l'omosessualità una malattia: ora è consulente del governo nella lotta alla droga
Gandolfini e Salvini
Preroll

globalist Modifica articolo

28 Aprile 2023 - 19.04


ATF

Un reazionario oscurantista consulente di un governo di reazionari e oscurantisti. Quale problema c’è?

Uno che disse: «Suicidi tra i ragazzi gay? Spingiamoli all’eterosessualità. Le droghe leggere? Non esistono. L’omosessualità? Una malattia’».

 In un Paese normale, l’autore di queste frasi verrebbe gentilmente accompagnato alla porta. In Italia, invece, la presidente del Consiglio ha pensato di premiarlo nominandolo consulente del governo per le politiche antidroga. Mentre diversi Paesi occidentali – l’ultima è stata la Germania – avanzano verso la legalizzazione della cannabis, qui si torna indietro al peggiore oscurantismo. L’ennesimo schiaffo in faccia alla scienza e alla realtà” 

Così Marco Furfaro, capogruppo dem in commissione affari sociali e componente della segreteria Pd, in un tweet commenta la nomina di Massimo Gandolfini a nuovo consulente del Dipartimento antidroghe.

Leggi anche:  Paolo Signorelli si dimette dopo la vergogna delle chat con Diabolik: "Non sono più quel Paolo..."
Native

Articoli correlati