Riforma del fisco, Fratoianni (Si): "Solo in Italia la patrimoniale è una bestemmia"
Top

Riforma del fisco, Fratoianni (Si): "Solo in Italia la patrimoniale è una bestemmia"

Riforma del fisco, Fratoianni: "Il presidente Usa Biden ha annunciato una tassa del 25% sui redditi dei miliardari per finanziare la riforma sanitaria. Solo in Italia la parola «patrimoniale» è ancora una bestemmia".

Riforma del fisco, Fratoianni (Si): "Solo in Italia la patrimoniale è una bestemmia"
Nicola Fratoianni
Preroll

globalist Modifica articolo

15 Marzo 2023 - 10.39


ATF

La riforma del fisco del governo Meloni è il nuovo provvedimento che farà infuriare le parti sociali, già sul piede di guerra dopo i primi colloqui a Palazzo Chigi. Nicola Fratoianni, segretario di Sinistra Italiana, è tornato a chiedere una patrimoniale come quella annunciata dal presidente Usa Joe Biden.

«Il presidente Usa Biden ha annunciato una tassa del 25% sui redditi dei miliardari per finanziare la riforma sanitaria e un lieve aumento del prelievo sui redditi superiori ai 400mila dollari annui. A Strasburgo 130 eurodeputati hanno firmato una petizione per chiedere l’introduzione di una tassa sulle grandissime ricchezze in tutta l’Unione Europea: 1,5% sui patrimoni superiori ai 50 milioni. È incredibile non averne sentito parlare. Perché in Italia per troppi media, ma anche per una parte della politica progressista, la parola «patrimoniale» è ancora una bestemmia. E quindi non si pronuncia e non se ne parla».

«Mentre proprio persino negli Usa, nella patria del capitalismo – prosegue il leader di SI – è caduto il tabù, in Italia si fa ancora molta fatica. Anzi avanza la flat tax e i favori fiscali ai più ricchi. Eppure dovrebbe essere chiaro che non esiste alternativa alla destra – conclude Fratoianni – senza giustizia sociale; e non esiste giustizia sociale senza aumentare il contributo dei più ricchi per aiutare chi ha di meno. Ma fa così tanta paura questa cosa?».

Leggi anche:  Elly Schlein: "Anche noi chiediamo il riconoscimento dello Stato della Palestina". Poi l'attacco al governo Meloni
Native

Articoli correlati