Top

Letta contro il governo Meloni: "Lo sbarco selettivo è contro l'umanità e le regole internazionali"

Il segretario del Pd Enrico Letta parla dello sbarco riservato solo ai naufraghi più fragili dalla Humanity 1 a Catania.

Letta contro il governo Meloni: "Lo sbarco selettivo è contro l'umanità e le regole internazionali"

globalist Modifica articolo

6 Novembre 2022 - 12.47


Preroll

Governo Meloni che piega le regole e la Costituzione a suo uso e consumo. E questo non può essere accettato.

OutStream Desktop
Top right Mobile

 “Il carico residuale e lo sbarco selettivo: un linguaggio inaccettabile per scelte a Catania ancor più inaccettabili, contrarie ai principi di umanità e alle regole internazionali”.

Middle placement Mobile

Così su twitter il segretario del Pd Enrico Letta, a proposito dello sbarco riservato solo ai naufraghi più fragili dalla Humanity 1 a Catania.

Dynamic 1

Il congresso del Pd

 «Lunedì (domani, ndr) farò l’appello alla partecipazione che è la prima tappa formale del percorso congressuale. Vale a dire la chiamata a tutti coloro che vogliono far parte di questo percorso costituente, e accanto alla chiamata c’è un impegno che ci prendiamo noi che organizziamo il congresso a far sì che possano partecipare al percorso costituente tutti coloro che aderiscono da oggi fino al momento in cui si voterà per il candidato segretario nei circoli».

Dynamic 2

 Lo dice Enrico Letta ad `Avvenire´ a proposito del congresso del Pd.

«E’ un allargamento per avere la partecipazione non solo dei nostri, ma anche di quella parte di società interessata ai temi del centrosinistra. Questo è l’inizio vero del percorso, fisseremo gli incontri per la fase del dibattito e per la presentazione delle candidature, che mi auguro avvenga il più presto possibile», spiega il segretario del Pd aggiungendo: «Il termine è entro gennaio, ma io chiedo che i candidati si palesino il più presto possibile, in modo che si possa cominciare a discutere delle piattaforme che vengono messe in campo».

Dynamic 3

Letta tra l’altro parla delle regionali e dell’accordo con Conte e Calenda: «Le elezioni regionali nel 2023 sono quattro: Friuli, Lombardia, Lazio e Molise, e sono quattro situazioni completamente diverse tra loro. Non è immaginabile uno schema calato da Roma su questi quattro territori. Questo lo posso dire con tutta la forza che ho, e saranno i gruppi dirigenti regione per regione a valutare le situazioni a livello locale».

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile