Fassina vuole fare da paciere: "Pd e M5s si parlino, il divorzio è stato un grave errore"
Top

Fassina vuole fare da paciere: "Pd e M5s si parlino, il divorzio è stato un grave errore"

Stefano Fassina:"Siamo in una fase in cui sinistra è chi sinistra fa, non si vive di rendita per quello che si è ereditato dal passato. Il M5S è il primo partito tra gli operai e i disoccupati e lavoratori precari, il Pd è il primo partito tra i manager".

Fassina vuole fare da paciere: "Pd e M5s si parlino, il divorzio è stato un grave errore"
Stefano Fassina
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Ottobre 2022 - 10.39


ATF

Stefano Fassina continua a spingere per un coinvolgimento del M5s in quello che dovrebbe essere un nuovo “campo largo” delle forze progressiste. L’ex deputato del Pd ha invitato ancora una volta i suoi ex compagni di partito a parlare con Conte, nonostante le distanze su molti punti siano enormi.

“Abbiamo dato vita ad un’iniziativa verso il M5S guidato da Conte. Vogliamo contribuire a ricostruire un rapporto, un’alleanza progressista. Sabato 22 a Roma faremo un’assemblea nazionale che vedrà come protagonisti tanti esponenti di sinistra e con Conte espliciteremo questo rapporto politico”.

“Il divorzio tra Pd e M5S non doveva esserci. Il Pd ha fatto un errore grave ad erigere il governo Draghi come spartiacque di questa fase. Il M5S ha portato avanti un’agenda di sinistra che noi vogliamo sostenere, a partire dal salario minimo ed oggi la questione della pace. Trovo sorprendente che di fronte a minacce di escalation nucleare ci sia un atteggiamento così rassegnato da parte di certa sinistra. Siamo in una fase in cui sinistra è chi sinistra fa, non si vive di rendita per quello che si è ereditato dal passato. Il M5S è il primo partito tra gli operai e i disoccupati e lavoratori precari, il Pd è il primo partito tra i manager e i quadri. Sono i numeri a parlare”.

Leggi anche:  Marco Meloni (Pd) attacca il governo: "Sui rigurgiti fascisti il governo è assente"
Native

Articoli correlati