Top

Provenzano (Pd): "La nostra ricetta dovrà essere più diritti, lavoro buono e cura del pianeta"

Peppe Provenzano, vice-segretario del Pd: "L'Italia non è destinata a finire nelle mani di Meloni, Salvini e Berlusconi".

Provenzano (Pd): "La nostra ricetta dovrà essere più diritti, lavoro buono e cura del pianeta"

globalist Modifica articolo

21 Luglio 2022 - 17.12


Preroll

Governo Draghi a casa e tanta amarezza per il Pd che aveva puntato tutto nel rapporto con il Movimento 5 stelle. E se ne è fatto interprete Peppe Provenzano, vice-segretario del Pd.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Ieri è stato il momento dello sdegno, per l’irresponsabilità di Lega, Forza Italia e M5S di mandare a casa il governo Draghi nel vivo delle emergenze, con una certa viltà, senza nemmeno un voto espresso in Parlamento, vanificando la possibilità di dare risposte urgenti ai bisogni sociali. Da oggi, però, è tempo di combattere. Il nostro Paese rischia, ma è migliore di come è apparso ieri. L’Italia non è destinata a finire nelle mani di Meloni, Salvini e Berlusconi”.

Middle placement Mobile

Ha proseguito Provenzano: “Ancora una volta, in questo tempo difficile, siamo chiamati a ‘cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio’. E, soprattutto, siamo chiamati a scegliere, perché questa è la democrazia. C’è un Paese che chiedeva di fronteggiare l’emergenza economica e sociale e che vuole responsabilità nel cambiamento. C’è una maggioranza di persone che vuole uscire da questa crisi con più diritti, lavoro buono, cura del pianeta. Diamogli nuova voce, forma, forza. La responsabilità del cambiamento spetta a noi, a ciascuno di noi”.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile