Macron davanti a Marine Le Pen: il presidente e la putiniana di estrema destra verso il ballottaggio
Top

Macron davanti a Marine Le Pen: il presidente e la putiniana di estrema destra verso il ballottaggio

L'attuale inquilino dell'Eliseo è al 28,1%, la sfidante del Rassemblement National al 23,30%. Al terzo posto l'esponente del partito di sinistra radicale La France Insoumise, Jean-Luc Mélenchon, con il 20,1%

Macron davanti a Marine Le Pen: il presidente e la putiniana di estrema destra verso il ballottaggio
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Aprile 2022 - 21.17


ATF

Emmanuel Macron è davanti a Marine Le Pen secondo gli exit poll diffusi alla chiusura delle urne delle elezioni per scegliere il nuovo presidente della Repubblica in Francia: l’attuale inquilino dell’Eliseo è al 28,1%, la sfidante del Rassemblement National al 23,30%.

Al terzo posto l’esponente del partito di sinistra radicale La France Insoumise, Jean-Luc Mélenchon, con il 20,1%. Il secondo turno per la corsa alla presidenza è previsto per il 24 aprile.

A Macron 4 punti in più del 2017

– Entrambi gli sfidanti sono andati meglio rispetto al primo turno di cinque anni fa: Macron in particolare si aggiudica quattro punti in più rispetto al 2017. Saranno loro ad andare al ballottaggio tra due settimane, domenica 24 aprile. 

Mélenchon: “Non bisogna dare un solo voto a Le Pen”

 – Mélenchon, al terzo posto, dice che al secondo turno “non bisogna dare un solo voto a Le Pen”. Dopo il candidato della sinistra radicale, si piazza il polemista di estrema destra Eric Zemmour, fermo al 7,2%, mentre Valérie Pécresse dei Republicains è intorno al 5%. La Pécresse si schiera subito a fianco di Macron in vista del ballottaggio, contro la candidata di estrema destra che accusa di essere “vicina a Putin”. 

Leggi anche:  Rassemblement National toglie dal sito internet i passaggi più filo-Putin del suo programma politico

Esultanza al quartier generale di Macron

 I primi dati sono stati accolti da un’esplosione di gioia nel quartier generale di Macron, a Porte de Versailles, ma anche in quello di Marine Le Pen, al padiglione Chesnaie du Roy.  

Le Pen: “Chi non ha votato Macron si unisca a noi” –

“Il popolo francese mi ha concesso l’onore di arrivare al secondo turno – ha detto Le Pen dopo l’annuncio dei risultati parziali -. Esprimo agli elettori la mia più sincera gratitudine. Vedo la speranza che le forze della ripresa del Paese siano in aumento. Tutti coloro che oggi non hanno votato per Macron sono chiamati a unirsi al nostro Rassemblement”. Il suo portavoce Sebastien Chenu ha sottolineato che “Le Pen migliora il suo risultato e ottiene numeri significativamente più alti rispetto all’ultima elezione presidenziale in Francia”. 

Cresce l’astensione: il 4% in più del 2017

L’astensione alle presidenziali, secondo l’istituto Ipsos per la tv pubblica francese, è stata del 26,2%. Al primo turno di cinque anni fa l’astensione fu del 22,2% ma nel 2002, anno del record dei non votanti, era arrivata alla cifra record del 28,4%. 

Leggi anche:  Ciotti sfiduciato da Les Républicains dopo l'apertura a Le Pen: lui si chiude a chiave nella sede del partito

Hidalgo sotto il 2%: “Boicottate Le Pen”

– La candidata socialista e sindaca di Parigi, Anne Hidalgo, si schiera con Macron in vista del ballottaggio contro la Le Pen. La Hidalgo si ferma al 2% e invita i suoi sostenitori “con gravità a votare contro l’estrema destra di Marine Le Pen” dando il voto a Macron “perché la Francia non cada nell’odio di tutti contro tutti”. 

Native

Articoli correlati