Top

Borghi (Pd): "Mosca ce l'ha con Guerini perché impedì lo spionaggio russo mascherato da missione umanitaria"

Il parlamentare Pd parla del marzo 2020 quando a Bergamo arrivarono militari russi per dare un aiuto sull'emergenza covid: "Guerini mise in sicurezza le infrastrutture strategiche"

Borghi (Pd): "Mosca ce l'ha con Guerini perché impedì lo spionaggio russo mascherato da missione umanitaria"

globalist

21 Marzo 2022 - 10.33


Preroll

Guerra in Ucraina e minacce della Russia in Italia e – in particolar modo – al ministro della Difesa Guerini accusato di essere un falco che alimenta la russofobia. Un falco irriconoscente perché, stando ai ‘putiniani’, lui aveva chiesto aiuto durante la prima ondata Covid e proprio per questo c’era stata una missione russa andata a portare aiuti a Bergamo. Ma c’ una retroscena. Ossia aver evitato lo spionaggio russo.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Mosca non perdona a Guerini di aver agito per mettere in assoluta sicurezza le nostre infrastrutture strategiche quando nel marzo 2020 un contingente militare russo venne in Italia per l’emergenza Covid”: le minacce all’Italia “sono frutto di propaganda per oscurare il dato di realtà che il blitzkrieg è fallito”.

Middle placement Mobile

Così il responsabile sicurezza del Pd, Enrico Borghi. In Italia, dice ancora, “pezzi interi dell’establishment, non solo politici, ma anche economici, finanziari, della comunicazione, hanno apertamente ammiccato al putinismo” e la missione anti Covid del 2020 “si sa che fu il risultato di una telefonata tra Conte e Putin, non conosco di più. Ma ripeto che le nostre infrastrutture tecnologiche sono state tutelate”,

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile