Molteni (Lega) contro lo Ius Soli: "Perché Letta non l'ha fatto quando era premier?"

Il sottosegretario leghista al Viminale: "Il minore non avrebbe più diritti di quelli di oggi..."

Nicola Molteni

Nicola Molteni

globalist 12 agosto 2021
La Lega, dopo il fallimento del Green Pass, negli ultimi giorni è tornata alla carica su un altro argomento: lo Ius soli.
"Sullo Ius soli non la penso allo stesso modo della ministra Lamorgese", così il sottosegretario leghista all'interno Nicola Molteni a Radio 24.
"Non credo che sia un reato di lesa maestà, quello che dico oggi sullo Ius soli lo dico da sempre. Ho avuto la delega alla cittadinanza quando al ministero c`era Matteo Salvini, ho toccato con mano perché la legge 91 del 92 che funziona perfettamente", precisa Molteni.
"Se noi oggi introducessimo lo Ius soli avremmo il paradosso di avere minori cittadini italiani e genitori cittadini stranieri. Il minore straniero non avrebbe più diritti di oggi perché l'unica differenza è il voto".
"Mi chiedo perché Enrico Letta non abbia fatto lo Ius soli quando era presidente del consiglio e perché si scelga di introdurre un tema divisivo in un governo di emergenza nazionale come questo che nasce per altre esigenze. Ho la netta sensazione che il pd e Letta non stiano cercando diritti, ma stiano cercando voti".
Riguardo allo sport e al caso Jacobs, Molteni ha spiegato: "Dobbiamo elogiare Jacobs e citarlo per le imprese sportive. Ha portato orgoglio e medaglie al nostro paese e quindi è giusto come lui ha preteso di non essere tirato da una parte e dall'altra per fini politici. Apprezziamone il valore sportivo ed evitiamo interpretazioni di natura politica".