L’ex indipendentista Salvini fa concorrenza a Meloni e sdogana il termine ‘patriottico’
Top

L’ex indipendentista Salvini fa concorrenza a Meloni e sdogana il termine ‘patriottico’

In un appello agli italiani all’estero a fare le vacanze nel nostro paese il capo della Lega ha usato la parolina che Fdi cerca di trasformare il suo brand

Salvini in Piazza Duomo
Salvini in Piazza Duomo
Preroll

globalist Modifica articolo

28 Maggio 2021 - 08.18


ATF

C’era una volta l’indipendentista padano, quello che diceva prima il nord, disprezzava il 2 giugno (come oggi disprezza il 25 aprile) e quando giocava la nazionale di calcio manifestava la sua insofferenza.
Quello che faceva canti grevi contro i napoletani colerosi e terremotati mentre il suo partito, la Lega, ne diceva tante contro i meridionali, chiamati terroni quando si voleva essere gentili, figuriamoci il resto.
Ora è da un po’ di tempo che l’indipendentista si è travestito da nazionalista  continua a parlare di Italia e di italiani mentre nello stesso tempo le regioni del nord in mano alla destra e alla Lega in particolare premono per una autonomia che ha il sapore di una mezza secessione in grado di favorire il nord ricco e sfavorire il sud meno abbiente.
Ora, però, in questa corsa a chi è più italiano degli altri Salvini non vuole perdere posizioni verso l’altra estremista di destra, ossia Giorgia Meloni, che da tempo fa propaganda cercando di appropriarsi del termine ‘patriota’.
Chi sono i patrioti? Quelli di Fratelli d’Italia. E gli altri? No, non difendono la Patria (con la p maiuscola) come fanno solo Meloni e destrorsi al seguito.
Probabilmente, vista la concorrenza che emerge dai sondaggi, i consiglieri social hanno suggerito a Salvini di non lasciare l’esclusiva dei termini patria, patriota, patriottico alla Meloni. Ma di fare un travestimento in più e di usare queste nobili parole che, però, se pronunciate da Salvini e Meloni suonano molto più melense e retoriche rispetto a quelle scritte da Goffredo Mameli, un patriota (lui sì) che sognava una Italia libera dagli oppressori ma soprattutto una Italia non in mano ai reazionari ma dove ci fossero eguaglianza e diritti. Ossia quello che la destra e l’estrema destra hanno storicamente negato.
Ora il pretesto ‘patriottico’ di Salvini è stato il turismo.
E infatti nel suo messaggio scrive: “da italiano agli italiani, anche a quelli residenti nel mondo”. “Quest’estate scegliamo l’Italia”, perchè “scegliere l’Italia è anche una scelta d’amore, patriottica, d’orgoglio. Per andare all’estero c’è una vita, scegliere l’Italia quest’anno non è solo questione di bellezza, ma di orgoglio nazionale”.
Per far risultare attrattiva l’Italia, “va veicolato il messagio che a giugno l’Italia sarà un Paese bianco, sicuro, vivo, aperto e divertente”. Ma non solo: “I turisti vengono in Italia, pagando ovviamente, e se sono vaccinati o guariti non devono perdere neanche 15 minuti i ospedale o in aeroporto, altrimenti vanno in Croazia, Grecia e Spagna. Dobbiamo semplificare la vita a chi porta ricchezza in Italia”.
Un messaggio particolare Salvini lo rivolge ai residenti in America: “Vedo con rammarico che sul sito del Dipartimento di Stato c’è una indicazione che è ferma al 20 aprile, con l’Italia sconsigliata per Covid e terrorismo”. E allora Salvini promette che “farò un colpo di telefono agli amici di via Veneto (sede dell’ambasciata degli Usa a Roma) per dire che la situazione è sotto controllo sia dal punto di vista sanitario che auspicabilmente dal punto di vista terroristico. Si tratta semplicemente di aggiornare un link”.

Leggi anche:  Tusk snobba Meloni: "Nell'Europarlamento la maggioranza c'è, non devo convincerla"
Native

Articoli correlati