Il capogruppo della Lega in Basilicata scrisse "W il duce": il Pd ne chiede le dimissioni

Gianuario Aliandro, detto Nario, nel 2014 aveva inneggiato a Mussolini nel 2014 in un post rivolto a Renzi: ''Prima di venire in Basilicata pensaci bene.... w il Duce''

Gianuario "Nario" Aliandro

Gianuario "Nario" Aliandro

globalist 21 marzo 2021

Complottisti, no-vax e pure fascisti: la Lega sembra avere un radar nel scovare tutti i personaggi con le peggiori caratteristiche.

Il Partito democratico della Basilicata ha chiesto le dimissioni del nuovo capogruppo della Lega nel Consiglio regionale della Basilicata, Gianuario Aliandro, detto Nario.

Questo fenomeno di Paterno (Potenza), è stato scelto cinque giorni fa dal partito, guidato in Basilicata dal senatore leccese Roberto Marti, a capo del gruppo lucano dopo la scelta dell'ex Tommaso Coviello di passare a Fratelli d'Italia.

Il gruppo della Lega è ancora quello di maggioranza relativa.

Dai profili Facebook di Aliandro è riemerso un vecchio post, risalente al 2014 (quando non era ancora in politica), in cui inneggia al Duce. Un post rivolto a Renzi in cui, dopo un insulto, era riportata la frase ''Prima di venire in Basilicata pensaci bene.... w il Duce''.

''Il neo capogruppo della Lega in Regione Basilicata, Nario Aliandro, dovrebbe seguire le orme del suo collega trentino Savoi che, a seguito delle dichiarazioni pubblicate sui social contro due colleghe donne apostrofate con volgarità e violenza, si è dimesso dal suo incarico'', afferma il Pd lucano. ''A poco serve prendere le distanze dalle sue dichiarazioni feroci che inneggiano al peggior rigurgito fascista - aggiunge - ignorando ogni principio democratico e in spregio alla nostra Costituzione''.

Secondo il Pd è un ''linguaggio di odio'' ed è ''inaccettabile per un uomo delle istituzioni perché non lede solo l'immagine delle stesse, ma offende l'intera comunità lucana che non merita di essere rappresentata con tale mediocrità politica''.