Top

Per Salvini è giusto mettere a rischio le vite degli italiani perché lui vuole fare il cenone coi parenti

Matteo Salvini dichiara che sicuramente vuole passare il cenone con la famiglia e i genitori "perché il 24 si aspetta Gesù Bambino". Nel frattempo la gente muore

Matteo Salvini
Matteo Salvini

globalist

3 Dicembre 2020 - 15.30


Preroll

Il Governo ha scelto la via della prudenza. E ha fatto bene: ogni altra lamentela è dettata dall’egoismo e dall’irresponsabilità. Quindi, Matteo Salvini ci va a nozze: “Massimo in dieci a tavola? Ho sentito i miei genitori, 74 e 75 anni, io ho sempre passato il pranzo di Natale con loro…” dice il leghista, fingendo allegramente di ignorare che due persone di 74 e 75 anni sono più al sicuro stando sole e lontane dai parenti che ai cenoni veicoli di potenziali contagi. 
Ma non ha finito: “Sicuramente voglio vedere mia figlia, perché i regali li porta Gesù bambino la sera del 24, voglio vedere i miei genitori, mia sorella e mio nipote, mio figlio anche se sta in un comune diverso, poi troverò il modo di ricongiungermi con la mia fidanzata con cui convivo”.
A parte la stucchevole storiella di Gesù Bambino che porta i doni che ha francamente stancato, tutti noi vogliamo vedere la nostra famiglia. Il mondo non si divide in asserviti a Conte che rinnegano le loro famiglie e sputano sul Natale e sugli affetti e i bravi e buoni cristiani leghisti che vogliono fare i cenoni e aspettare Gesù Bambino con lo zabaione in mano. Il mondo è in preda a una pandemia globale. Nel mondo le persone stanno morendo sole negli ospedali con un tubo infilato in gola proprio perché esistono persone come Matteo Salvini che mettono ciò che vogliono loro, il loro vile egoismo, davanti al bene comune. 

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage