Zingaretti avverte: "Se non si rispettano le regole non escludo il lockdown"

Il segretario del Pd e presidente della regione del Lazio: "se vogliamo riprendere a vivere dobbiamo farlo con le precauzioni.

Zingaretti

Zingaretti

globalist 26 settembre 2020
"Non dobbiamo pensare che abbassare la guardia acceleri l'uscita dall'epidemia".
Così Nicola Zingaretti, segretario del Pd e presidente del Lazio, in video collegamento con 'Riparte l'italia - insieme per ricostruire'. "Se continuiamo ad avere piena coscienza che il coronavirus è ancora presente ce la faremo - ha sottolineato Zingaretti - sono cose semplici da fare, dalle mascherine, all'igienizzazione delle mani, al distanziamento sociale".
"Dobbiamo continuare ad avere precauzioni e cautele - ha aggiunto -: questo è il modo per continuare a vivere, lavorare e divertirsi". "Il virus esiste - ha sottolineato Zingaretti - e se è sotto controllo è perché c'erano regole rigide sul distanziamento".
E poi: si sentirebbe di escludere un nuovo lockdown? "No, no, io non escludo nulla. Se non rispettiamo le regole andiamo a finire lì”.
“Si può costruire un equivoco e cioè che riprendere a vivere significa rimuovere le precauzioni. E' esattamente l'opposto: se vogliamo riprendere a vivere dobbiamo farlo con le precauzioni. La curva è stata tenuta a bada dalle regole e dal lockdown, non dalla magia o dal fatto che il virus era scomparso come qualcuno ha sostenuto".