Salvini getta la maschera: punta a tornare in gioco con un 'governissimo'

Salvini vuole andare da Mattarella per chiedere le dimissioni di Conte, formare un 'governissimo' per accompagnare l'Italia al voto tra 8 mesi. E avverte: "Se qualcuno vuole sostenerci, la Lega c'è"

Salvini

Salvini

globalist 27 febbraio 2020
"Se arriva da qualcun altro il sostegno della Lega c'è". Salvini manda un messaggio chiaro, la domanda è a chi? Le opzioni non sono poi molte: esclusi Pd e M5s per ovvie ragioni, l'unica opzione plausibile rimane Matteo Renzi con Italia Viva. E sebbene da entrambe le parti vengano continue smentite su un'ipotesi di un governo insieme, la teoria del complotto c'è, e sta anche in piedi. Perché i due Mattei in fondo una sola cosa vogliono: tornare al potere. E se decidessero di farlo insieme? 
"Prima si vota meglio è" dice Salvini, "siamo in grado di votare da qui a 8 mesi? Probabile. Occorre però qualcun altro di più credibile di questo Governo e di Conte per accompagnare il paese al voto". Un governissimo quindi, che lo metta nelle condizioni di rimanere fuori dai palazzi ma comunque in una situazione di maggioranza. E la Lega si sta muovendo, approfittando anche dell'emergenza Coronavirus: "Poi se Conte dice non mollo, sto attaccato alla poltrona... noi più che andare a portare i nostri dubbi al presidente della Repubblica non possiamo - ha detto Salvini - In un momento critico occorre fermezza, il premier ha cambiato atteggiamento 5 volte in 5 giorni".
Le priorità del governissimo sarebbero, per Salvini, "il rilancio economico, il taglio delle tasse e gli investimenti, tutte cose che questo governo non è in grado di fare. L'obiettivo è andare al voto, ma se non si può votare domani mattina, qualsiasi italiano penso ci chieda che non sia Conte ad accompagnare il paese in queste settimane difficili".