Le Sardine a Bibbiano per rubare la scena a Salvini: "C'è bisogno di noi, chi non viene è uno scorfano"

Il flash mob è previsto il 23 gennaio. Ieri teatro pieno per le Sardine: "Questa sera a Bibbiano è successa l'ennesima magia, quella di una comunità che finalmente si sente ascoltata"

Sardine nel teatro di Bibbiano

Sardine nel teatro di Bibbiano

globalist 21 gennaio 2020
Alla fine Salvini ha avuto la sua piazza a Bibbiano, scalzando le Sardine che pure avevano chiesto per prime l'autorizzazione. Ma le regole sono chiare: in campagna elettorale gli spazi pubblici vanno ai partiti con almeno un candidato in corsa alle elezioni. 
E siccome le Sardine le regole le rispettano, a quella piazza hanno rinunciato. Ma non a Bibbiano: e per contrastare Salvini, le Sardine hanno lanciato un flash mob il prossimo giovedì 23 gennaio, in piazza Libero Grassi, a poca distanza dal comizio della Lega. 
Solo ieri, le Sardine hanno tenuto un evento nel teatro di Bibbiano, che hanno raccontato sulle pagine Facebook e Instagram: "Un teatro che si riempie. Tanti volti che si ritrovano. Le voci che spezzano il silenzio. Questa sera a Bibbiano è successa l'ennesima magia. Quella di una comunità che finalmente si sente ascoltata e che può rispondere a una semplice domanda. 'Come stai?'. E soprattutto 'cosa vorresti dire?'. E che per la prima volta dopo tanto tempo è libera di raccontare che Bibbiano è prima di tutto terra di musica, terra di Parmigiano Reggiano e terra di accoglienza. Libera di poter presentare un'alternativa a coloro che non si sono fatti scrupoli a giocare con la dignità delle persone per una manciata di voti. Libera di smettere di stare a guardare e di decidere che da giovedì si inizia a scrivere una storia nuova".
Ma, proseguono le Sardine, "Bibbiano ha bisogno di noi. E se lo merita. Perché in fondo in silenzio ci siamo stati tutti in questi sei mesi. E allora invadiamola con un gioco semplice: costruisci uno strumento o qualsiasi cosa che possa emettere un suono, e preparati a suonare nella tua prima orchestra ittica. Sarà una festa della musica. Sarà la festa di Bibbiano. E soprattutto sarà 'la piazza giusta'. Ps: chi non viene è uno scorfano".