Top

Quando Di Maio tuonava: La Lega ha preso soldi ai cittadini. Oggi fa silenzio

Meno di un anno fa M5s sugli scudi contro il Carroccio (guardate il video). Di Battista furente diceva: avete intascato quattrini pubblici, vergogna. Salvini annunciava querele. Ora mutismo diffuso

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

globalist Modifica articolo

4 Luglio 2018 - 12.27


Preroll
Era il 15 settembre 2017 quando Luigi Di Maio tuonò. “La Lega Nord prima parlava di Roma ladrona e ora urla al complotto: abbiano almeno la decenza di restituire i soldi”. Lo ha detto in una conferenza stampa a Montecitorio il vicepresidente M5s della Camera, Luigi Di Maio. In una conferenza stampa sulle pensioni prilivegiate, l’attuale vicepremier disse:” Racconteremo ai cittadini che ci sono oltre centro parlamentari che non hanno partecipato alla spartizione di privilegi medievali. Inoltre diciamo una cosa a Salvini e alla Lega: invece di gridare al complotto, restituiscano i soldi che hanno sottratto ai cittadini. E il Pd non si azzardi a criticare questa conferenza stampa: Renzi deve smetterla di dire che anche loro restituiscono: versano parte dello stipendio al partito poi mandano in cassa integrazione i loro dipendenti che paghiamo noi. Non possono criticarci su nulla””. 
A sostenere Di Maio allora intervenne anche Di Battista che aggiunse piccatissimo: ”La Lega si sente sotto attacco della magistratura.  Hanno preso quattrini pubblici, se li è intascati e Salvini dice che ha tutti contro. È un mondo alla rovescia. E noi che non vogliamo quattrini pubblici siamo costretti a fare degli atti di rinuncia”.
 
Salvini annunciò querele. Oggi sulla vicenda, dopo la sentenza della Cassazione, terzo grado di giudizio,  è caduto il silenzio mortale dei 5 Stelle. Onestà a intermittenza, insomma. 
 
 
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile