Silvio annuncia: se Strasburgo si sbriga, torno a fare il leader
Top

Silvio annuncia: se Strasburgo si sbriga, torno a fare il leader

Berlusconi non arretra, e non lo manda a dire. Vuole il via libera dalla Corte europea e poi...

Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi
Preroll

globalist Modifica articolo

27 Novembre 2016 - 12.59


ATF

Torna Silvio. Tranquilli conservatori di questo paese, eccolo. Berlusconi spariglia di nuovo le carte del centrodestra e lancia un messaggio ben preciso ad avversari e, soprattutto, a chi punta a raccogliere la sua eredità: una volta assolto dalla Corte europea di Strasburgo, mi ricandido e torno leader.
Tutto dipende dalla sentenza di Strasburgo che purtroppo – dice Silvio – ci mette troppo tempo, tre anni, per esaminare un caso che non riguarda solo un cittadino ma un importante Paese europeo. Il riferimento è alla contestazione mossa all’Italia di aver applicato retroattivamente la legge Severino al suo caso, violando l’articolo 7 della Convenzione europea per i diritti umani (Cedu) che sancisce il principio di “nulla poena sine lege” (nessuna pena senza legge).

“Sono assolutamente sicuro che metterà in chiaro come non ci sia stata nessuna evasione da parte mia. E quindi io dovrei ritornare nella possibilità di ricandidarmi. In quel caso – scandisce – il centrodestra non avrebbe la necessità di cercare altri leader”.

Leggi anche:  Europee, Salvini: "Non sosterremo Mario Draghi, la Ue deve fare meno cose ma farle meglio"

Quindi, arrivederci e grazie a tutti gli altri.
Il leader leghista no la prende bene: “Berlusconi ha fatto tanto, e potrà fare ancora, ma chiunque, da Salvini a Berlusconi, ha bisogno della legittimazione popolare”, spiega. “Dopo la vittoria del no – concede – parleremo di tutto il resto: ma chi sfiderà Renzi e Grillo – avverte – lo decideranno gli italiani, non è una scelta a tavolino in qualche segreteria di partito. Chiunque sia dovrà passare dal consenso degli italiani nelle piazze italiane”.

“Faccio a Berlusconi molti e sinceri auguri, ma le autoincoronazioni non sono più possibili”, sentenzia l’ex delfino di Arcore e attuale leader di Cor, Raffaele Fitto insistendo su “primarie per tutti per un centrodestra forte e vincente”. Nessuno sconto neppure dall’ex alleato ora nelle fila di Fdi, Ignazio La Russa: “auguro di tutto cuore l’annullamento di quella ingiustizia che sta limitando i suoi diritti civili. Dopodiché – sottolinea – lui al pari di tutti gli altri, come Salvini e la Meloni, e forse con più meriti storici di altri, dovrebbe comunque avere un’investitura dal basso”. “Ho visto che Berlusconi oggi ha tirato fuori un candidato nuovo… Chi se lo aspettava…”, scherza invece il premier Matteo Renzi che proprio oggi si incrocerà negli studi di Cologno monzese con il Cavaliere, ospiti entrambi – ma a un’ora di distanza – di Barbara D’Urso.

Leggi anche:  Salvini in stile Vannacci: "Depositata una proposta di legge per reintrodurre la leva". La destra si spacca
Native

Articoli correlati