Vibo Valentia, minacce al vescovo: bossolo di pistola nella cassetta delle lettere
Top

Vibo Valentia, minacce al vescovo: bossolo di pistola nella cassetta delle lettere

Dopo gli atti intimidatori ai danni dei parroci di Pannaconi e Cessaniti, don Felice Palamara e don Francesco Pontoriero, un avvertimento è stato recapitato direttamente al vescovo della Diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, Attilio Nostro.

Vibo Valentia, minacce al vescovo: bossolo di pistola nella cassetta delle lettere
Il vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea Attilio Nostro
Preroll

globalist Modifica articolo

2 Marzo 2024 - 13.04


ATF

La Chiesa di Vibonese è attualmente sotto pressione. Dopo gli atti intimidatori ai danni dei parroci di Pannaconi e Cessaniti, don Felice Palamara e don Francesco Pontoriero, un avvertimento è stato recapitato direttamente al vescovo della Diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, Attilio Nostro.

È stato il vescovo stesso a informare i fedeli sabato, durante la messa in onore del santo patrono di Vibo, San Leoluca, celebrata nel duomo locale. I malintenzionati hanno lasciato un bossolo di pistola nella cassetta delle lettere della curia vescovile di Mileto.

“Anche io – ha detto mons. Nostro – sono stato minacciato. Con le mie mani ho raccolto il bossolo che mi è stato inviato per intimorirmi. Gli attacchi che come comunità ecclesiale stiamo subendo in questi giorni sono un’offesa contro Dio e la società civile. In silenzio e con grande dolore stiamo pregando affinché immediatamente si ponga fine a queste azioni criminali che stanno creando tanta disperazione nella nostra Diocesi. Certamente non saranno questi fatti di inaudita criminalità a farci piegare la testa. Al contrario reagiremo con forza pregando per questi fratelli che stanno portando lacrime e disperazione”.

Leggi anche:  Chiesa e aborto: a margine del fermo no c'è uno spiraglio che rappresenta la vera novità

Il vescovo, nel ringraziare le forze dell’ordine per il lavoro che stanno svolgendo per risalire agli autori dei gesti intimidatori, ha poi invitato la gente a “liberarsi in maniera definitiva di tutto ciò che in maniera vigliacca, anonima, criminale, delinquenziale stringe questo territorio in una povertà che non è soltanto economica ma anche culturale. Dobbiamo avere il coraggio di venire allo scoperto e dire il nostro no a tutte le forme di violenza, di mafia e di altre cose che le somigliano. Noi dobbiamo urlare la nostra voglia di una società nuova, migliore e libera da ogni forma, nascosta o evidente, di oppressione o di schiavitù. Noi siamo il popolo più bello del mondo dobbiamo soltanto dimostrarlo”.

Native

Articoli correlati