Regali in cambio di multe cancellate, corruzione nella polizia locale di Lecce: 46 gli indagati dalla Gdf
Top

Regali in cambio di multe cancellate, corruzione nella polizia locale di Lecce: 46 gli indagati dalla Gdf

Lecce, oltre 500 verbali per infrazioni al codice della strada sarebbero stati annullati in cambio di regali. Coinvolti anche tre dipendenti dell'ufficio verbali.

Regali in cambio di multe cancellate, corruzione nella polizia locale di Lecce: 46 gli indagati dalla Gdf
Guardia di Finanza
Preroll

globalist Modifica articolo

14 Febbraio 2024 - 10.15


ATF

A Lecce è stata scoperta e sgominata una fitta rete di corruzione all’interno del corpo della polizia municipale, fattta di regalie e multe cancellate. E’ stata la Guardia di Finanza a notificare le misure interdittive nei confronti di 46 indagati. 

Secondo le indagini, oltre 500 verbali per infrazioni al codice della strada sarebbero stati annullati in cambio di regali. Coinvolti anche tre dipendenti dell’ufficio verbali. L’indagine risalirebbe ad alcuni anni fa e sarebbe stata rallentata a causa della pandemia.

Tra i reati contestati ci sono corruzione, falso e accesso abusivo al sistema informatico. L’indagine della Gdf è partita nel 2019 e ha riguardato principalmente tre dipendenti della polizia locale di Lecce (due dei quali destinatari delle misure di interdizione che sono accusati di associazione per delinquere, corruzione, accesso abusivo alle banche dati, falso e soppressione di atti pubblici), un dipendente di una società municipalizzata di Lecce e uno della polizia provinciale.

Secondo la ricostruzione investigativa del nucleo di polizia economico-finanziaria di Lecce, avrebbero annullato e/o archiviato verbali per violazioni al codice della Strada (oltre 500 i casi analizzati), a un’ampia platea di persone, legati da rapporti di amicizia o interesse. In cambio dell’annullamento dei verbali alcuni politici locali avrebbero ottenuto – spiega la guardia di finanza in una nota – “il rafforzamento del consenso elettorale”. Tra le altre utilità ottenute da chi riusciva ad annullare le multe, c’erano biglietti per spettacoli pubblici, per le giostre, addobbi per matrimoni e servizi di trasloco.

Leggi anche:  Abusò ripetutamente di una bimba di 8 anni: arrestato un 72enne e condannato a 9 anni di carcere

Le condotte contestate hanno interessato, nel tempo, anche il personale di altre pubbliche amministrazioni (non raggiunti da alcuna misura cautelare), “consentendo agli indagati di ampliare lo spettro di conoscenze e di relazioni in maniera trasversale, garantendo – evidenzia la Gdf – in un meccanismo di reciproca disponibilità allo scambio di favori, l’annullamento di atti amministrativi”.

Native

Articoli correlati