Ergastolo per Giovanni Padovani: il 28enne aveva ucciso brutalmente l'ex Alessandra Matteuzzi: "Me lo merito"
Top

Ergastolo per Giovanni Padovani: il 28enne aveva ucciso brutalmente l'ex Alessandra Matteuzzi: "Me lo merito"

Giovanni Padovani è stato condannato all’ergastolo dalla Corte d'Assise di Bologna. Il 28enne aveva ucciso il 23 agosto 2022 la ex fidanzata Alessandra Matteuzzi.

Ergastolo per Giovanni Padovani: il 28enne aveva ucciso brutalmente l'ex Alessandra Matteuzzi: "Me lo merito"
giovanni padovani e alessia matteuzzi
Preroll

globalist Modifica articolo

12 Febbraio 2024 - 15.14


ATF

Giovanni Padovani, il 28enne che ha brutalmente ucciso la sua ex fidanzata, la 56enne Alessandra Matteuzzi, è stato condannato all’ergastolo dalla Corte d’Assise di Bologna.

Per il delitto avvenuto il 23 agosto del 2022 sotto casa sua con calci, pugni, martellate e colpi di panchina, sono state riconosciute le aggravanti dello stalking, del vincolo del legame affettivo, dei motivi abietti e della premeditazione, come chiesto dalla Procura.

La Corte ha anche stabilito provvisionali immediatamente esecutive da 100mila euro per la sorella di Alessandra Matteuzzi, Stefania, e per la madre. Diecimila euro invece per i due nipoti di Alessandra e 5mila euro per le altre parti civili. Per quanto riguarda i danni, invece, saranno liquidati in separata sede.

Prima del verdetto, Padovani aveva rilasciato delle dichiarazioni spontanee. “Sono entrato in carcere a 26 anni, ho sempre pensato che onestà e trasparenza pagano, nella vita. C’è un ragazzo di 26 anni che faceva il calciatore e il modello e non gli mancava nulla, poi c’è una donna di 56 anni, molto bella e intelligente che non c’è più. Quello che voglio dire è che se ero completamente lucido e capace merito l’ergastolo”.

Leggi anche:  Femminicidio: donna gettata dalla finestra di un palazzo, arrestato il compagno

“Se voi valuterete che c’è qualcosa di anormale, di anomalo, nelle condotte, allora no. Io la reale verità la so, io non stavo bene, perché una persona che sta bene non ammazza un altro essere umano. Non esiste. Sono in un incubo, mi dispiace, questo è un fardello più grosso del carcere”. 

“Quando perdi la capacità di vedere le cose con lucidità commetti l’irreparabile. Avevo tanto da perdere e Alessandra anche ha perso tanto. Qui oggi non vince nessuno. Chiedo che sia fatta giustizia perché Giovanni Padovani deve pagare, ha ucciso una donna. Ma la giustizia deve essere fatta senza essere influenzati dai media”.

Native

Articoli correlati