Lo youtuber "Favarigna" arrestato per violenze e minacce su un 13enne e sua madre
Top

Lo youtuber "Favarigna" arrestato per violenze e minacce su un 13enne e sua madre

Youtuber accusato di aver adescato on line un 13enne con più condotte nel tempo, di averlo manipolato fino a compiere atti sessuali e lo avrebbe anche minacciato di morte, arrivando pure a molestarne e minacciarne la mamma.

Lo youtuber "Favarigna" arrestato per violenze e minacce su un 13enne e sua madre
Preroll

globalist Modifica articolo

25 Ottobre 2023 - 17.16


ATF

Favarigna, youtuber 21enne, seguito sul suo canale da quasi 70mila follower, è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale nei confronti di un 13enne e anche molestie e minacce nei confronti del ragazzino e della mamma. L’indagine è della Polizia di Stato, Squadra Mobile di Rimini, coordinata dal sostituto procuratore Davide Ercolani.

Questa mattina gli agenti della questura di Rimini hanno notificato all’indagato, un giovane di 21 anni residente in Sicilia, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip riminese Manuel Bianchi. 

Lo youtuber è accusato di aver adescato on line il 13enne con più condotte nel tempo, di averlo manipolato fino a compiere atti sessuali e lo avrebbe anche minacciato di morte, arrivando pure a molestarne e minacciarne la mamma.

Lo youtuber avrebbe agganciato il 13enne in una chat di gioco on line della Playstation. Secondo le indagini della Squadra Mobile, coordinate dal sostituto procuratore Davide Ercolani, la loro ‘amicizia’ era poi passata nelle chat di una piattaforma dedicata ai giocatori e infine era arrivata nelle conversazioni private. Sempre secondo le indagini, lo youtuber aveva attirato l’attenzione del ragazzino usando proprio i protagonisti di un gioco on line, poi si era fatto pressante fino al punto di venire a Rimini per una settimana e incontrarlo dal vivo.

Leggi anche:  Una 19enne è stata violentata da quattro giovani nordafricani su una nave: la ragazza era in gita con la classe

In un’occasione gli avrebbe estorto prestazioni sessuali in un hotel della città romagnola. Era stata la mamma del ragazzino ad accorgersi di quanto stesse accadendo scoprendo i messaggi molesti sul cellulare del figlio. La donna aveva prima affrontato direttamente il 21enne dicendogli di stare lontano dal figlio poi, aveva sporto denuncia alla Polizia di Stato. 

Native

Articoli correlati