Papa Francesco cita Piersanti Mattarella e parla della guerra: "L'umanità è in pericolo"
Top

Papa Francesco cita Piersanti Mattarella e parla della guerra: "L'umanità è in pericolo"

Papa Francesco a Sergio Mattarella: "Penso a suo fratello Piersanti, Signor Presidente, e alle vittime della strage mafiosa di Capaci, di cui pochi giorni fa si è commemorato il trentennale".

Papa Francesco cita Piersanti Mattarella e parla della guerra: "L'umanità è in pericolo"
Papa Francesco
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Maggio 2023 - 12.35


ATF

Papa Francesco ha consegnato a Sergio Mattarella il premio Paolo VI. Durante il discorso per il conferimento, il Pontefice ha ricordato l’estremo sacrificio per la giustizia di Piersanti, fratello del presidente della Repubblica.

«A proposito di responsabilità, penso a quella componente essenziale del vivere comune che è l’impegno per la legalità. Essa richiede lotta ed esempio, determinazione e memoria, memoria di quanti hanno sacrificato la vita per la giustizia; penso a suo fratello Piersanti, Signor Presidente, e alle vittime della strage mafiosa di Capaci, di cui pochi giorni fa si è commemorato il trentennale».

Nel suo intervento, Bergoglio ha sottolineato l’urgenza della pace: «San Paolo VI sentì l’importanza della responsabilità di ciascuno per il mondo di tutti, per un mondo diventato globale. Lo fece parlando di pace – quanto è urgente oggi! –, lo fece esortando a lottare senza rassegnarsi di fronte agli squilibri delle ingiustizie planetarie, perché la questione sociale è questione morale e perché un’azione solidale dopo le guerre mondiali è veramente tale solo se è globale . Oltre cinquant’anni fa, avvertì l’urgenza di fronteggiare le sfide climatiche, davanti alla minaccia di un ambiente che – scrisse – sarebbe diventato intollerabile all’uomo in conseguenza della distruttiva attività dell’uomo stesso che, spadroneggiando sul creato, si sarebbe trovato a non padroneggiarlo più».

Leggi anche:  Francesco scuote la platea e dice che l'indifferenza è il cancro della democrazia

«Il senso di responsabilità e lo spirito di servizio stavano per San Paolo VI alla base della costruzione della vita sociale. Egli ci ha lasciato l’impegnativa eredità di edificare comunità solidali. Era il suo sogno, che si scontrò con vari incubi diventati realtà – penso alla terribile vicenda di Aldo Moro; era il desiderio ardente che portava nel cuore e che espresse nei termini di ½comunità di partecipazione e di vita», animate dall’impegno a ½prodigarsi per costruire solidarietà attive e vissute» . Non sono utopie, ma profezie; profezie che esortano a vivere ideali alti. Perché di questo oggi hanno bisogno i giovani. E sono lieto, Signor Presidente, – l’omaggio del Papa a Mattarella – di farmi strumento di riconoscenza a nome di quanti, giovani e meno giovani, vedono in Lei un maestro, ma soprattutto un testimone coerente e garbato di servizio e di responsabilità».

Native

Articoli correlati