Bimbo di 5 anni urta un'anziana con la sua bicicletta: la donna muore, il padre del piccolo a processo
Top

Bimbo di 5 anni urta un'anziana con la sua bicicletta: la donna muore, il padre del piccolo a processo

L’anziana, 87 anni, ha perso l'equilibrio, è caduta a terra sbattendo la testa ed è morta Il padre del piccolo è ora accusato di omicidio colposo. Il fatto è accaduto a Milano.

Bimbo di 5 anni urta un'anziana con la sua bicicletta: la donna muore, il padre del piccolo a processo
Preroll

globalist Modifica articolo

14 Aprile 2023 - 11.55


ATF

Fa discutere il caso di un padre che rischia di dover pagare un risarcimento di 200mila euro ai familiari di un’anziana donna, morta dopo esser stata colpita dal figlio di 5 anni dell’uomo, che stava imparando ad andare in bicicletta. L’anziana, 87 anni, ha perso l’equilibrio, è caduta a terra sbattendo la testa ed è morta. Il padre del piccolo è ora accusato di omicidio colposo. Il fatto è accaduto a Milano.

 Sul momento le conseguenze dell’incidente non sono sembrate serie e il padre del bimbo ha quasi insistito perché venisse chiamata l’ambulanza. Successivamente, invece, la situazione è precipitata: la signoraha perso conoscenza ed è morta in ospedale.  

Per legge la Procura di Milano è obbligata a porre in capo al padre la responsabilità penale (per condotta omissiva) nel decesso della signora urtata accidentalmente dal bimbo. Il padre è quindi indagato per omicidio colposo in rapporto all’articolo 40 del codice (“non impedire un evento, che si ha l’obbligo giuridico di impedire, equivale a cagionarlo”). 

Leggi anche:  "Un Bagliore", dal 4 giugno disponibile il nuovo libro di Jon Fosse

Altra norma di riferimento in materia è l’articolo 2047 del codice civile: “In caso di danno cagionato da persona incapace di intendere o di volere, il risarcimento è dovuto da chi è tenuto alla sorveglianza dell’incapace, salvo che provi di non aver potuto impedire il fatto”. 

Il padre del bimbo ha una possibilità: il patteggiamento, che comporterebbe una riduzione di un terzo della pena e il beneficio della sospensione condizionale. In sede civile, però, potrebbe già subire una pesantissima condanna ed essere costretto al pagamento di un risarcimento stimato intorno ai 200mila euro.

Native

Articoli correlati