Firenze in piazza per la Costituzione, la scuola e contro il fascismo
Top

Firenze in piazza per la Costituzione, la scuola e contro il fascismo

Da piazza Santissima Annunziata a Firenze ha preso il via la manifestazione "Per la scuola, per la Costituzione", organizzata in risposta al pestaggio di alcuni studenti da parte di giovani di Azione studentesca poche settimana fa.

Firenze in piazza per la Costituzione, la scuola e contro il fascismo
Preroll

globalist Modifica articolo

4 Marzo 2023 - 16.25


ATF

No al fascismo, no ai fascisti e ai loro protettori in giacca e cravatta o in tailleur, sì alla difesa della scuola pubblica e della Costituzione.

Da piazza Santissima Annunziata a Firenze ha preso il via la manifestazione “Per la scuola, per la Costituzione”, organizzata in risposta al pestaggio di alcuni studenti da parte di giovani di Azione studentesca poche settimana fa.

Il corteo, composto da 10mila partecipanti secondo la questura, è arrivato in piazza Santa Croce, dove è stato allestito il palco dell’iniziativa antifascista. In piazza bandiere dell’Anpi, della Cgil, del Pd, del Pci e del Movimento Cinquestelle. Alla manifestazione hanno aderito il segretario generale della Cgil Maurizio Landini, il presidente M5s Giuseppe Conte, la segretaria del Pd Elly Schlein ed esponenti dell’Alleanza Verdi Sinistra, a cominciare da Nicola Fratoianni.

In piazza anche la preside – All’iniziativa ha preso parte anche la preside del liceo Leonardo Da Vinci, Annalisa Savino. Ha sfila con altri partecipanti della sua scuola, secondo quanto si apprende dagli organizzatori. La preside è l’autrice della lettera in cui ricordava che “il fascismo nacque dall’indifferenza” e in cui chiedeva ai ragazzi di essere “consapevoli che è in momenti come questi che, nella storia, i totalitarismi hanno preso piede e fondato le loro fortune, rovinando quelle di intere generazioni”. 

Leggi anche:  Sandro Pertini, in memoria del partigiano presidente

Stretta mano Schlein-Nardella – In piazza della Signoria a Firenze c’è stata poi la prima stretta di mano, dopo le primarie del Pd, tra Elly Schlein, neo segretaria del partito, e il sindaco di Firenze, Dario Nardella, che è stato coordinatore della mozione Bonaccini. Insieme i due, a piedi, hanno attraversato il centro per giungere a piazza Santissima Annunziata da dove è partito il corteo. La Schlein, che ha conversato a lungo anche con il segretario della Cgil Maurizio Landini, è anche stata ricevuta a Palazzo Vecchio.

I valori e le radici – “Una manifestazione partecipatissima e ricca di valori. Intorno alla lettera della preside si racchiudono quei valori che ci consentono di avere radici solide nella nostra costituzione e di guardare con questo al futuro. È una manifestazione bellissima”. Lo ha detto il presidente della Toscana, Eugenio Giani. 

Conte e l’identità del M5s – In piazza anche il leader del M5s Giuseppe Conte. “L’identità e la visione del Movimento 5 stelle non dipende delle scelte di vertice che vengono fatte in casa altrui. La nostra identità e la nostra visione è frutto di un percorso sofferto, meditato, ben costruito nel corso soprattutto degli ultimi anni e quindi di un rinnovamento che non può essere rimesso alle scelte che fanno al vertice di altre forze politiche”, ha detto l’ex premier. “La competizione non ci spaventa, l’importante è che sia tesa a rafforzare l’area progressista”, ha aggiunto 

Leggi anche:  Sandro Pertini, in memoria del partigiano presidente

Questura: 10mila partecipanti – “Non può essere morale chi è indifferente”, recita uno degli striscioni esposto da un istituto superiore fiorentino. Tante le bandiere dei sindacati confederali e dei partiti, dal Pd al M5s e ancora Anpi e vessilli della pace. Secondo la questura i partecipanti sono circa 10mila. 

Native

Articoli correlati